ASCOLI PICENO -Per l’Ascoli Picchio arriva un altro pareggio, il terzo consecutivo. Al Del Duca, contro l’Avellino, finisce 1-1. Succede tutto nel primo tempo: prima Castaldo per il vantaggio dei campani, poi il pari, sul finire dei primi 45′, realizzato da Pinto.

PAGELLE 

AGAZZI 6 – Incolpevole su gol di Castaldo, deve compiere una sola parata, non impossibile, e si fa trovare pronto. Per il resto ordinaria amministrazione per il portiere bianconero che riesce a far sentire la sua presenza a centro area quando ce n’è bisogno.

PADELLA 5,5 – Dovrebbe essere determinato, come al suo solito, in realtà sembra apparire molto nervoso e preoccupato. Specie nella prima parte di gara, ogni suo intervento appare abbastanza impreciso. Nella ripresa va leggermente meglio – un po’ come tutto l’Ascoli – ma la sua prestazione non migliora poi molto.

GIGLIOTTI 6,5 – Il migliore del terzetto difensivo, conferma ancora una volta di trovarsi meglio al centro della difesa a 3, piuttosto che in posizione più defilata. Un discreto tempismo e qualche buona chiusura permettono ai bianconeri, specie nella ripresa, di soffrire poco le folate offensive dell’Avellino.

CHERUBIN 6 – Soffre inizialmente il dinamismo di Vajushi, che con la sua rapidità rischia di metterlo in crisi in più di un’occasione. Tuttavia, con il passare dei minuti comincia a prendere le misure e, grazie anche alla sua esperienza, riesce a portare a casa una prestazione sufficiente.

MOGOS 5 – Si perde Castaldo sul primo gol, facendosi sorprendere alle spalle. Soffre terribilmente l’estro e la corsa di Molina il quale lo mette alle corde a più riprese. Migliora quando dalla sua parte si trova contrapposto a Bidaoui, ma è troppo poco per redimere la sua prestazione odierna.

ADDAE 6,5 (IL MIGLIORE) – La valutazione della sua prestazione odierna va oltre la mera analisi tecnico-tattica della stessa. Dei bianconeri scesi in campo oggi è stato l’unico a metterci quella grinta e quella voglia di ottenere il risultato, che doveva essere propria di tutto l’Ascoli. Se a questo si aggiunge anche l’assist di testa per il pareggio di Pinto, non è difficile capire perché sia il migliore in campo oggi.

BUZZEGOLI 5 – Dal capitano dell’Ascoli oggi ci si aspettava una prestazione importante, non solo sul piano tecnico, ma anche a livello caratteriale; la sua gara, invece, è molto timida, condita da tanti retropassaggi e appoggi banali, tali da indispettire lo stesso Cosmi, che lo lascia nello spogliatoio all’intervallo. BIANCHI (dal 46′) 6 – Ritrova il campo dopo parecchie settimane e si vede che la gamba non è delle migliori. Tuttavia, con il suo ingresso il centrocampo bianconero sembra riuscire a dare maggiormente aria alla manovra.

KANOUTE’ 5,5 – Decisamente fuori giri nel primo tempo, non riesce mai ad entrare veramente in partita. Migliora nella ripresa, quando, messo davanti alla difesa, amministra il gioco con più autorità; tuttavia, nonostante qualche buona giocata, anche nel secondo tempo commette qualche errore di troppo. D’URSO (dal 74′) 5 – Dovrebbe dare freschezza alle sortite bianconere, invece entra in campo piuttosto compassato.

PINTO 6.5 – Torna in campo dopo qualche settimana d’assenza. Non lesina impegno e fornisce una serie di cross interessanti. Esce per una botta al ginocchio al 20esimo del secondo tempo. Il suo gol vale veramente tanto per l’Ascoli. MIGNANELLI (dal 65′) 5 – Prestazione in linea con quella di Pinto ma non da alcun contributo sensibile alla partita.

VARELA 6 – È innegabile che dei giocatori in campo sia quello capace di avere il guizzo in grado di rompere l’equilibrio. Ci prova e ci riprova costantemente, muovendosi spesso tra le linee per cercare di liberarsi dalla pressione avversaria, ma, soventemente, manca proprio di quel qualcosa in più che proprio lui stesso dovrebbe dare.

MONACHELLO 5 – Solita gara difficile per l’attaccante bianconero che, sostanzialmente, gioca tutta la partita dando le spalle alla porta. Tuttavia, oggi è mancata quella grinta che gli ha permesso in altre occasioni di scollarsi di dosso la marcatura avversaria e di fare reparto da solo; rimane, invece, piuttosto compassato per tutto l’arco dei 90′.

 

COSMI 6 – Squadra fortemente intimorita per buona parte del primo tempo. La scossa, paradossalmente, arriva dopo il vantaggio dell’Avellino; i bianconeri, difatti, riescono a mettere sotto i campani e a trovare il pari prima dell’intervallo. Nella ripresa il Picchio, merito anche del cambio Buzzegoli-Bianchi, tiene meglio il campo e riesce a giocare alla pari con i campani. Il risultato non e la prestazione, dunque, non sono pessimi, ma non si è visto quel furore agonistico che ci si aspettava da una squadra che doveva vincere.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 235 volte, 1 oggi)