ASCOLI PICENO –  Dopo la seduta di rifinitura al Picchio Village a porte chiuse, mister Cosmi parla del delicato match che attende l’Ascoli. La salvezza passa da Pescara e i bianconeri saranno sostenuti da quasi mille e cinquecento tifosi. Tornato ad allenarsi in gruppo Clemenza, ancora lavoro a parte per  Lores Varela e Martinho mentre Mengoni si è allenato poco per un risentimento alla schiena che però oggi ha preso parte all’allenamento.

Mister Cosmi: “Varela ha problemi muscolari e al termine della partita abbiamo valutato di tenerlo a riposo questa settimana non si è allenato. Mengoni anche si è allenato poco ma sarà dei nostri. Anche Cherubin si è fermato ieri. Abbiamo l’alternativa naturale a Padella che è De Santis. Deciderò chi convocare. Una partita importantissima. Nel caso ci fossero emergenze Addae lo abbiamo sperimentato in difesa – aggiunge – Voglio parlare poco della partita tutti noi che viviamo questa partita siamo in attesa. Mi aspetto di vederli morire sul campo i miei giocatori e se lo aspettano tutti. Dobbiamo inquadrare bene la squadra dentro questa partita e subire in maniera positiva la pressione meritando la fiducia dei 1.500 tifosi che ci seguono”.

Machin, centrocampista del Pescara che lei ha avuto a Trapani l’ha definita un grande allenatore, che ama far giocare le squadre e sa capire il momento: “Lo ringrazio, un giocatore che è molto qualitativo ed esprime il meglio di se stesso con giocatori di qualità tecnica starebbe meglio in serie A. Purtroppo l’ho avuto poco per infortuni. Come il nostro Kanoute che anche lui ha linee di passaggi da categoria superiore a volte pecca però sono ragazzi e attualmente a lui e altri manca la consapevolezza della situazione”.

Prioritario per noi mantenere la categoria. Loro hanno qualità costruiti da Zeman ricercano il gioco hanno una rosa di qualità giocheranno per salvarsi e sanno giocare a calcio. Di  finali di campionati ne ho vissuti tanti sia al vertice che in fondo. Tutto può cambiare. Niente è scontato” conclude il mister bianconero.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 231 volte, 1 oggi)