ASCOLI PICENO – Le Marche avranno una nuova figura professionale: l’accompagnatore cicloturistico.

Questo profilo, già esistente a livello nazionale, è stato inserito dalla giunta nel repertorio dei profili professionali su proposta dell’assessore al Lavoro, alla Formazione e all’Istruzione Loretta Bravi. “L’escursionismo in bicicletta sta conoscendo anche in Italia uno sviluppo crescente e nelle Marche– spiega l’assessore Bravi – e ci sono tutte le premesse perché si affermi come fattore significativo sotto il profilo economico, turistico, ambientale e culturale. La Regione sta cogliendo questa opportunità promuovendo il cicloturismo come offerta turistica rispettosa dell’ambiente e del paesaggio sull’intero territorio regionale: lo dimostrano le numerose risorse destinate alla realizzazione di piste e percorsi ciclabili. In questo contesto l’offerta di servizi di accompagnamento cicloturistico è un’esigenza, come segnalano anche gli operatori turistici, e può costituire uno strumento utile per l’allargamento dell’utenza e per la promozione di un turismo salutare e sostenibile.”

L’accompagnatore cicloturistico avrà quindi il compito di guidare sia nella breve escursione giornaliera che nella vacanza in bici di più giorni una molteplicità di utenti: individui, famiglie, gruppi associativi o aziendali, gruppi scolastici. Dovrà inoltre fornire anche in lingua straniera informazioni sul territorio e proporre itinerari ciclistici in relazione alle capacità, alle richieste e agli interessi degli utenti (ambiente, cultura, enogastronomia,…). Il percorso formativo prevede 410 ore comprensive di 100 ore di stage e 10 ore per l’esame finale.

I soggetti che erogano la formazione dovranno essere accreditati dalla Regione Marche e la macrotipologia formativa fa riferimento alla formazione superiore e continua. Requisiti generali di accesso al corso:

Compimento 18° anno;

Diploma di scuola secondaria di II grado;

Titoli di studio conseguiti all’estero accompagnati da una dichiarazione che attesti il livello di scolarizzazione;

Per gli stranieri è indispensabile una buona conoscenza della lingua italiana orale e scritta, dotazione tecnica necessaria (bicicletta, abbigliamento specifico, casco, scarponcini trekking, zaino) e superamento prove selezioni.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 197 volte, 1 oggi)