VENEZIA – Un’altra gara da applausi per Elisabetta Vandi, stavolta in maglia azzurra. La 18enne pesarese dell’Atletica Avis Macerata conquista la medaglia di bronzo nei 400 metri, ai Campionati del Mediterraneo under 23 di Jesolo (Venezia), con il formidabile crono di 53”53. Demolito il record personale e anche il suo primato marchigiano juniores che era di 54”18, realizzato un mese fa a Macerata. Ben 63 centesimi di miglioramento in un colpo solo per la doppia figlia d’arte, dell’ex mezzofondista Luca e della quattrocentista Valeria Fontan che la segue dal punto di vista tecnico.

Ma a fare il tifo sul litorale veneto c’era anche la sorella maggiore Eleonora, pluricampionessa tricolore di 800 e 1500 metri. La più giovane Elisabetta è invece sempre più una specialista dei 400 e al debutto nella categoria, dopo il titolo nazionale della scorsa settimana ad Agropoli bissando quello indoor, sale al sesto posto nella graduatoria italiana under 20 di sempre ad appena 21 centesimi dal record italiano juniores. Ed è ancora più vicina al primato marchigiano assoluto che porta il nome di una grande interprete del giro di pista, Daniela Reina, con 53”43 nel 2001.

A Jesolo, in chiusura di manifestazione, per la Vandi c’è poi la soddisfazione della vittoria nella staffetta 4×400 corsa in seconda frazione, insieme alle altre azzurre Alice Mangione, Rebecca Borga e Virginia Troiani, d’oro in 3’37”88. Sul podio anche Ahmed Abdelwahed: il vicecampione europeo under 23 dei 3000 siepi, finanziere proveniente dal Cus Camerino e allenato da Roberto Scalla, stavolta con 9’00”01 si mette al collo il bronzo.

Nei 10.000 di marcia sesto il fabrianese Giacomo Brandi (Atl. Avis Macerata), cresciuto sotto la guida di Carlo Mattioli, in 43’05”00.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 41 volte, 1 oggi)