ASCOLI PICENO – Si prevede una grandissima affluenza per l’ultima tappa del Festival ideato lo scorso anno da Neri Marcorè per rilanciare le zone montane marchigiane, dopo gli eventi sismici del 2016, che nel 2018 ha portato alla seconda edizione.

Il 5 agosto si terrà tra Matelica, sui prati dell’Abbazia di Roti vicino anche San Severino Marche, il concerto finale di “RisorgiMarche” con un ospite eccezionale: Jovanotti e la sua band (fra cui l’ascolano Saturnino Celani). Il noto cantante è carico (clicca qui per le sue dichiarazioni) e invita tutti, appello lanciato su Instagram, a portare percussioni, chitarre e strumenti per rendere ancora più unico l’ultimo appuntamento di questa edizione, un concerto a 360° è il suo auspicio.

E’ previsto un “esodo” verso il Borgo situato in provincia di Macerata e gli organizzatori, in collaborazione con Comune e Forze dell’Ordine, sono pronti a fornire tutte le informazioni utili all’evento, gratuito, in programma dalle 16.30. Ma in molti raggiungeranno il “palco verde” dalla mattinata.

Ecco cosa c’è da sapere.

Per il concerto non sarà possibile campeggiare nell’area concerto e lungo il percorso, non sarà possibile parcheggiare nelle aree predisposte fino all’apertura delle stesse (che avverrà alle ore 8 di domenica 5 agosto), non sono previsti pass per auto/moto/camper e l’accesso ai parcheggi sarà consentito fino alla loro saturazione.

Come arrivare al concerto, ecco le informazioni diramate dagli organizzatori:

IN AUTO DA NORD
Autostrada A14 direzione sud, prendere uscita di Ancona Nord-Jesi verso Ancona Nord-Jesi, alla rotonda prendere la seconda uscita e prendere lo svincolo SS 76/Ancona per SS16/Jesi/Fabriano, imboccare la SS76 e proseguire per circa 37 km, prendere l’uscita 10-Serra San Quirico verso Serra San Quirico, prendere Via Clementina, SS76 e Strada Provinciale 256 Muccese in direzione di Vocabolo Braccano a Matelica fino a destinazione.

IN AUTO DA SUD
Autostrada A14 direzione nord, prendere uscita Civitanova Marche-Macerata, direzione Macerata, imboccare SS77 var della Val di Chienti, prendere l’uscita Tolentino Ovest in direzione Tolentino Ovest, svoltare a destra e prendere Colleluce, poi Via Parolito, Strada Septempedana/SP361 e Strada Provinciale 122 in direzione di Vocabolo Braccano a Matelica fino a destinazione.

IN AUTO DA OVEST – PERUGIA
Entrare nella E45/SS3bis attraverso lo svincolo per Perugia/Assisi-Foligno/Roma-Firenze, seguire SS318 e SS76 in direzione di Via Ermanno Casoli a Fabriano. Prendere l’uscita verso Fabriano Est da SS76, prendere Via Serre, Strada Provinciale 256 Muccese e Via Pianne in direzione di Vocabolo Braccano a Matelica fino a destinazione

IN AUTO DA ROMA
Procedere fino a Foligno, prendere SS77 var della Val di Chienti, procedere fino a Serravalle di Chienti, poi prendere Strada Provinciale 17 e dopo circa 10 km prendere Strada Provinciale 256 Muccese, seguire Strada Provinciale 256 Muccese in direzione di Via S. Domenico Casette a Matelica e prendere Via Pianne in direzione di Vocabolo Braccano fino a destinazione.

IL VARCO

Non molto lontano dal centro storico di Matelica, passata la rotatoria in località Trinità, in direzione della fantasiosa Frazione di Braccano, ecco il varco e le vaste aree attrezzate a parcheggio, che potranno ospitare 15 mila posti auto e 15 posti autobus. Il percorso inizia su strada asfaltata per i primi 2 chilometri per attraversare Braccano e continuare, poi, su una ombrosa strada sterrata, immersa nella natura dei boschi. Si arriva infine su un’ampia radura in prossimità all’Abbazia di Roti e all’area concerto percorrendo un itinerario quasi totalmente protetto dal sole, lungo 6 chilometri che farà affrontare un dislivello totale di circa 350 metri per un tempo di percorrenza di circa un’ora e 45 minuti. I tempi di percorrenza si intendono escluse le soste. Come in tutti i percorsi affrontati fino ad ora vi ricordiamo di seguire i consigli riportati nel sito di Risorgimarche per quanto riguarda l’abbigliamento adeguato, scarpe da trekking, acqua e quant’altro necessario. Lungo il percorso sarà possibile trovare una cisterna per la distribuzione di acqua potabile ed infine un’area ristoro in prossimità dell’area concerto. Dopo il concerto è previsto un DopoFestival, a cura del Comune di Matelica.

DISABILI

Per questi concerti le persone con disabilità motorie potranno raggiungere con i propri automezzi le aree di parcheggio predisposte, dopo aver acquisito le informazioni e il pass necessario attraverso la mail disabili.risorgimarche2018@gmail.com entro le ore 12 del giorno precedente al concerto. Sarà predisposta una speciale area di parcheggio. Il pass è obbligatorio per gestire al meglio le varie e complesse questioni legate alla sicurezza e all’assistenza sanitaria, anche a causa delle inconsuete modalità di fruizione degli eventi di RisorgiMarche. L’ultimo tratto da percorrere, pochi metri, è su prato o terreno sconnesso, per cui è necessario essere attrezzati o accompagnati. Controllate la sezione concerti del sito www.risorgimarche.it e i social di RisorgiMarche per aggiornamenti.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.