ASCOLI PICENO – Il difensore bianconero Padella, analizza la prima giornata di campionato terminata 1 a1 contro il Cosenza e pensa già alla prossima sfida, domenica a Perugia: “Risultato importante per tutta la squadra e per l’ambiente non era giusto come si era messa la partita. Risultato che da morale e continuità.”

Sulla linea difensiva: “Sul gol preso direi l’unica occasione avuta e poi sui contropiedi sono stati pericolosi. Come linea difensiva siamo messi bene. Sul gol incomprensione che ci può anche stare siamo agli inizi era difficile rimontare ma ce l’abbiamo fatta. Come ruolo da centrale mi trovo bene e sono contento.”

Come sta la squadra: “Siamo al 60% secondo me ancora siamo tutti da scoprire possiamo fare tanto e bene. Il mister molto preparato che fa attenzione a tutto.”

Prossima sfida a Perugia, Nesta era al Del Duca a vedere la partita: “A Perugia andiamo per fare bene e cercare di vincere e portare a casa i 3 punti. Loro verranno a prenderci alti faremo il nostro gioco palla a terra. Hanno dei grandi attaccanti come Melchiorri e Han, ma non giocano come il Cosenza, si difendono di più sarà un altro tipo di partita.”

Una B a 19 squadre che cambia completamente il quadro della situazione: “Un campionato diverso, noi pensiamo alla salvezza. Questo Ascoli deve pensare partita dopo partita. Consapevoli della nostra forza cerchiamo di fare più punti possibili. Poi finito il girone d’andata possiamo fare le nostre valutazioni.  Il livello si è alzato e anche la salvezza è più difficile da raggiungere, c’è poco distacco tra playoff e playout.”

Quando vedremo il vero Ascoli?: “Il tempo per vedere il vero Ascoli sarà il tempo in cui tutti i ragazzi nuovi si possano amalgamare. Dobbiamo aspettare almeno 2 settimane. Il mister è uno che vuole la difesa alta vuole la supremazia territoriale è un gioco che permette di creare tanto, una difesa alta e un gioco volto all’attacco. Abbiamo letto il post del patron Pulcinelli su Facebook e ci ha fatto molto piacere.”

Sui nuovi arrivati e sui giovani: “Contento della prestazione di Quaranta, in ritiro eravamo nella stessa stanza è un ragazzo serio e un grande professionista. Chi mi ha sorpreso di più è Frattesi un giovane con personalità, può davvero fare la differenza ma come lui anche altri, i giovani che sono arrivati hanno molta personalità.”

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.