MONSAMPOLO DEL TRONTO – “Decisione sofferta, ma in questi anni ci siamo trovati in disaccordo sull’impostazione e sulle priorità della nostra azione amministrativa”: così Massimo Narcisi, in una nota inviata alla stampa, commenta le sue dimissioni “irrevocabili” dall’incarico di vicesindaco e dalle deleghe assessorili (Servizi Sociali, Politiche Giovanili, Protezione Civile e Rapporti con Associazioni) della giunta Caioni. Dimissioni comunicate al sindaco la scorsa settimana.

“Una decisione sofferta – scrive Narcisi – Presa a malincuore, che mi porta a fare un passo indietro nei confronti di un’Istituzione, di un Servizio e soprattutto di una Comunità che rispetto e amo forse più di me stesso”.

“Più volte in questi anni ci siamo trovati in disaccordo ma ho sempre ritenuto giusto continuare a collaborare per il bene della nostra comunità, nella speranza che il tempo potesse farci ragionare e aggiustare le cose. Fino all’ultimo ho sperato che la mia presa di posizione al Consiglio Comunale del giugno scorso potesse scuotere questa maggioranza e farci ritrovare la giusta via per chiudere nel migliore dei modi questa nostra esperienza amministrativa – scrive l’ex vicesindaco – Così non è stato. Anzi, la distanza tra di noi è aumentata ancora di più e la totale assenza di dialogo e di confronto mi ha portato ad essere un semplice spettatore di quello che troppo spesso viene deciso altrove”.

“Mi dispiace ma non ce la faccio. La chiami pure arroganza o mania di protagonismo ma io proprio non ci riesco ad amministrare così. Tutto (e quindi niente!) è prioritario, il confronto e il dialogo avvengono esclusivamente per e-mail, il più delle volte in Giunta siamo chiamati a ratificare decisioni già prese da altri subendo troppo spesso le scelte dei funzionari. Insomma, non ci sto a ritrovarmi ai margini di una squadra che ho contribuito a far vincere e di un’Amministrazione a cui ho dedicato gli ultimi nove anni della mia vita. Non trovo più gli stimoli e quell’entusiasmo che hanno animato i primi tempi di questa avventura e che sono fondamentali per andare avanti e fare bene”.

Continua Narcisi: “Sarà una mia sensazione ma negli ultimi tempi percepisco addirittura diffidenza nei miei confronti. Diciamo che ormai mi sento più un peso che un valore aggiunto”. Narcisi resterà comunque in consiglio comunale, “in un nuovo ruolo che magari mi aiuterà a sentirmi ancora utile alla nostra Comunità”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.