ARQUATA DEL TRONTO – Sono iniziati questa mattina, 4 ottobre, i lavori per la costruzione di un Centro Polifunzionale ad Arquata del Tronto realizzato con i fondi raccolti dall’Associazione Nazionale Alpini e dai quattro Club Service: Club 41 Italia, Round Table, Lady Circle e Agora.

Alla presenza dei rappresentanti del “Four Clubs one Vision” e dei delegati dell’Associazione Nazionale Alpini (ANA) si è dato il via ai lavori per la costruzione del Centro di aggregazione nella zona Area Sae Borgo 2 che verrà denominato “Un cuore per Arquata”.

Il Club 41 Italia e gli altri tre Club hanno infatti deciso di mettere a disposizione di questo progetto i proventi della raccolta fondi iniziata lo scorso anno su tutto il territorio nazionale e che ha raggiunto l’importante cifra di 150 mila euro. Il resto lo ha messo a disposizione l’Associazione Nazionale Alpini.

Con questa cifra si riuscirà a realizzare una struttura di circa 250 mq, costruita con prefabbricati in legno di elevata qualità, ecosostenibile, e rispondente a tutti i criteri antisismici più severi, che avrà anche la finalità di fungere da punto di raccolta per la popolazione nella malcapitata ipotesi di altri eventi calamitosi.

A farsi promotore di questo progetto è stato il Past Presidente Nazionale del Club 41 Italia, Claudio Onofri, che affiancato dall’allora Presidente del Club 41 di Ascoli Piceno, Corrado Alfonzi, lo scorso anno aveva visitato Arquata decidendo che la cifra racconta da tutti i club italiani venisse utilizzata per gli abitanti questo splendido borgo.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.