ASCOLI PICENO – Reduce dalla striscia positiva di tre partite che hanno fruttato cinque punti, l’Ascoli Calcio si prepara alla difficile trasferta di Foggia in cui i bianconeri affronteranno i Satanelli al “Pino Zaccheria” sabato 5 ottobre.

A parlare in casa bianconera è uno degli ultimi arrivi Lorenzo Laverone, da subito indispensabile per l’Ascoli: “Sono contento, c’è stato subito bisogno di me e mi sono messo a disposizione del mister e della squadra. Siamo una squadra con qualità, il gruppo è compatto, c’è il giusto mix tra giocatori esperti e giovani che devono crescere il prima possibile”.

“Abbiamo un gioco in cui si cerca sempre di giocare la palla – prosegue il laterale bianconero – Vengono coinvolti molto gli esterni, abbiamo ancora tanto da migliorare, è un gruppo nuovo mentre ci sono squadre con giocatori che giocano insieme da anni; dobbiamo lavorare perché secondo me possiamo ancora crescere molto”.

Laverone parla poi di alcuni compagni di squadra: “Ninkovic è un giocatore con caratteristiche tecniche superiori, è un giocatore da Serie A. Troiano è un giocatore importante per la categoria, ci dà esperienza e quantità fondamentali per la Serie B, senza nulla togliere a Zebli e Casarini, sono tre giocatori importanti con caratteristiche diverse. Tra i giovani chi mi ha più impressionato? Credo Frattesi abbia le qualità per arrivare in alto, così come Zebli e Quaranta, ciò che conta è la testa”.

L’infortunio di Ardemagni? – continua l’esterno toscano – Ci mancherà ovviamente, è un bomber con quasi 100 gol in categoria ma chi lo sostituirà ha le qualità per fare bene. Ganz? E’ un ragazzo che lavora tanto si vede che ci tiene a fare gol e a fare bene, gli basterà trovare una rete su un episodio per sbloccarsi. L’aspetto mentale per un giocatore è fondamentale, per un attaccante ancora di più”.

Il Foggia è forse l’avversario peggiore da affrontare in questo momento –afferma Laverone – hanno grande entusiasmo visti gli ultimi risultati, non è una squadra costruita per salvarsi, sono lì solo per la penalizzazione. Hanno giocatori importanti ma noi ci giocheremo la nostra partita, come a Salerno, su un campo difficile. Dove può arrivare questo Ascoli? Dobbiamo puntare prima di tutto alla salvezza, abbiamo una squadra di qualità anche se abbiamo iniziato a lavorare dopo gli altri. La Serie B a 19 squadra ha alzato il livello, raggiungiamo la salvezza e poi potremo divertirci”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.