APPIGNANO DEL TRONTO – “Piunti alla ricerca di voti probabilmente a Castel di Lama”: il sindaco di Appignano, Sara Moreschini (Partito Democratico) critica il collega sambenedettese di Forza Italia, candidato per la presidenza della provincia di Ascoli, in merito al tema forse centrale di queste elezioni (di secondo livello: non votano i cittadini ma soltanto sindaci e consiglieri).

Senza citare invece il sindaco Cinque Stelle di Castel di Lama Mauro Bochicchio, Moreschini critica Piunti perché “dichiara che se lui verrà eletto la sesta vasca non si farà; una dichiarazione un tantino fuori tempo visto che la vasca 6 ha terminato il percorso di valutazione di impatto ambientale nell’anno 2015 con un chiaro diniego da parte del servizio ambiente della Provincia di Ascoli Piceno a causa di gravi problematiche tecniche e ambientali chiarite in modo inequivocabile allora dal’Arpam”.

“Piunti, alla ricerca di voti probabilmente quelli di Castel di Lama neppure cita la cittadina di Appignano del Tronto quando parla di miasmi, del resto per lui come per Castelli e per la Ascoli servizi comunali, noi siamo solo un piccolo punto da rappresentare su una scala topografica a 1:25.000, però ci sappiamo difendere e ci facciamo sentire. Quindi, Piunti ha cambiato idea? Fino a pochi giorni fa dichiarava  di voler tornare a conferire i rifiuti in Ambito, del resto ha scritto anche una lettera al Presidente dell’Ata rifiuti per questo fine per ridurre i costi dei rifiuti indifferenziati, il cui incremento, sappiamo bene essere pressoché ininfluente sul conteggio complessivo della tariffa” continua.

Oppure dice no alla vasca 6 e sì alla vasca 7 e al sormonto su vasca 5 di Relluce? Meglio l’uovo oggi della gallina domani? Con l’attuale presidente D’Erasmo si era avviato un virtuoso percorso di pianificazione della gestione dei rifiuti basato su riciclo, riuso, riduzione della produzione e ampliamento dell’Ambito a Marche Sud per evitare di insistere su tutto il territorio piceno quindi sia Valle del Bretta che valle del Chifente da anni compromesse a livello ambientale” scrive il sindaco di Appignano.

Che poi ne ha per Bochicchio: “Invece il Sindaco di Castel di Lama può decidere liberamente se e chi votare, ma di certo non può dire che ci si è opposti all’ampliamento di Relluce esclusivamente adducendo motivi formali poco rilevanti. Ricordo che il comune di Appignano del Tronto da sempre sensibile alle problematiche ambientali ha scritto pagine e pagine di osservazioni, lettere, proteste, comunicazioni inerenti le problematiche ambientali e tecniche relative alle emissioni odorigene, all’inquinamento delle acque e dei terreni e alla presenza di movimenti franosi attivi ed in costante aumento. Da circa un anno, proprio per approfondire con le migliori competenze le problematiche tecniche ha attivato una collaborazione scientifica con la Facoltà di Geologia dell’Università degli Studi di Camerino, e sta predisponendo un progetto innovativo per il monitoraggio delle “puzze” con sensori Iot sperimentali in grado di rilevare e misurare le emissioni con l’Uuniversità di Roma 3”.

“Quindi il nostro no a qualsiasi abbancamento a Relluce è legato a palesi problematiche ambientali che stiamo studiando con il supporto delle migliori menti scientifiche” conclude Sara Moreschini.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.