ASCOLI PICENO – L’Ascoli non riesce a dare continuità alla vittoria con il Carpi e cede il passo ad un Livorno determinato a portare a casa i primi tre punti stagionali, finisce infatti, il 27 ottobre, 1-0 per i padroni di casa la sfida del “Picchi” grazie alla rete al 42’ di Raicevic.

Queste le parole del tecnico bianconero Vincenzo Vivarini a fine gara: “Temevo questa partita per un aspetto importante che poi si è verificato, il fatto di non avere quel piglio giusto e quelle attenzioni giuste, quella concentrazione che ci serve per affrontare le partite di Serie B. Oggi siamo stati superficiali un po’ in tutto, ne è venuta fuori una partita in cui abbiamo ritardato le pressioni e abbiamo allungato il blocco squadra, sono venute fuori tutte le lacune che possiamo avere”

Abbiamo giocato poco di squadra – prosegue il mister bianconero – questo ha condizionato il risultato. Abbiamo creato diverse situazioni per pareggiare e per poter far gol, ne ho contato cinque o sei, potevamo e dovevamo fare meglio. Ci sono insidie in ogni partita, ogni partita è una storia a sé; oggi siamo stati superficiali ad affrontare una buona squadra, oggi il Livorno si giocava tanto, dovevamo affrontarlo in un altro modo”


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.