ASCOLI PICENO – Dopo la sconfitta interna per 3-2 contro il Padova di Foscarini, torna a parlare Lorenzo Laverone, uno dei protagonisti dell’episodio del momentaneo 1-1, realizzato dai veneti con il laterale dell’Ascoli ed Addae a terra.

Le parole di Laverone: “Adesso sto meglio ma la botta di Bright c’è stata. È stato un episodio negativo e se non ci fosse stato il gol sarebbe stato diverso. Purtroppo abbiamo avuto un arbitraggio sfavorevole, le sviste sommate insieme hanno innervosito la squadra. Dovremo essere più furbi anche noi, quell’episodio ci ha influenzato molto ma non dobbiamo stare a recriminare sugli errori”.

Siamo molto dispiaciuti per aver perso durante quella giornata di festa – continua il laterale toscano – e forse abbiamo accusato troppo la pressione di vincere per forza. Avevamo voglia di vincerla ma non bisogna caricare mai troppo una partita. Si vede che ancora non siamo bravi a gestire gli episodi, non è colpa del singolo ma della squadra”.

Le vittorie su Verona e Benevento significano che possiamo vincere e perdere con tutti – conclude Laverone – ma se non hai l’attenzione giusta rischi molto. Non si vince mai per caso e le basi per migliorare ancora ci sono. A Pescara sappiamo che sarà dura ma cerchiamo di giocarcela come nelle altre trasferte senza però caricarla troppo”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.