ASCOLI PICENO – Il Piceno saluta i fondi in arrivo per la sicurezza dal Ministero dell’Interno. Mentre San Benedetto si prende la fetta più grande dei soldi messi in campo nelle Marche per la videosroveglianza (oltre 400 mila euro su un totale di 1,5 milioni), Ascoli potrà contare invece su circa 110mila euro.

Questi soldi serviranno per implementare la copertura delle telecamere nelle seguenti zone: Piazza Ventidio Basso, i Giardini Pubblici di Corso Vittorio Emanuele, Piazza Immacolata e l’area del Teatro Romano. “In secondo luogo verrà attivato un sistema di controlli degli accessi alla Città che, attraverso un sistema di riconoscimento delle targhe delle autovetture, permetterà di individuare se i veicoli siano stati rubati o meno” scrive invece il sindaco Guido Castelli.

“Oltre agli strumenti tradizionali, quindi, utilizzati per garantire la sicurezza della città, nell’ambito di una serie di azioni coordinate e finalizzate ad aumentare la percezione di sicurezza dei miei concittadini, attiveremo un sistema di controllo integrato per far si che anche le zone periferiche della città possano sentirsi più sicure” continua il primo cittadino. “Il sistema di controllo degli accessi realizzato consentirà alle forze dell’ordine (che sovrintenderanno alla gestione del sistema) di prevenire fatti criminosi, sorvegliare in presa diretta zone che di volta in volta presenteranno criticità, favorire la repressione degli stessi atti criminosi. ”

Reazioni diverse invece da Offida, anch’essa rientrata nella graduatoria del Viminale. Questo il posto apparso sul profilo facebook del sindaco Valerio Lucciarini, che dà tutto il merito al precedente Ministro Minniti. “Grazie al decreto legge 20 febbraio 2017, n.14 recante “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città” – Ministro Minniti -siamo riusciti ad ottenere un finanziamento, che ci consentirà di allargare ulteriormente il sistema di video sorveglianza sul territorio comunale che andrà ad implementare l’attuale già provvisto di 25 telecamere presenti nel centro storico.

#IOffida #OffidaSicura”


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.