SPINETOLI – Gli ultimi appuntamenti con il calendario natalizio di Spinetoli hanno a che fare con la tradizione. Il 5 e 6 gennaio a San Pio X, alle ore 16, si terrà la Pasquella, mentre presso la Sala B.Gigli, alle 17, ci sarà Pagliaio d’Oro, la manifestazione canora dei bambini.

Quella di festeggiare la Pasquella è una tipicità  alcune regioni, tra cui le Marche, con canti rituali di origine contadina, eseguiti da cantori questuanti che giravano casa per casa. Grazie alla Pro Loco e alla Parrocchia San Pio X questa antica usanza torna a Spinetoli, nella Sala parrochiale “Paolo Cameli”, dove si esibirà, nei canti, la Corale Polifonica Cento Torri.

Il 6 gennaio l’appuntamento si sposta alla Sala B. Gigli in Piazza Kennedy con la 36° edizione del Pagliaio D’Oro, il concorso canoro che coinvolge tanti bambini del territorio. Nato nel 1976 per volere del Circolo Culturale di don Paolo Rossi, che lo ha portato avanti fino al 1980,  dopo uno stop durato sette anni, la rassegna ha ripreso vita nel 1987 grazie ad Alberto Alesiani, che tuttora la organizza, avvalendosi della direzione artistica di Azzurra D’Angelo. Quest’anno saranno 13 i concorrenti in gara.

La manifestazione è molto sentita nel paese, oltre a coinvolgere direttamente i più piccoli, è seguita dagli ex concorrenti divenuti ormai adulti. Nel corso del pomeriggio canoro è prevista una sorpresa per tutti i bambini: l’arrivo della Befana.

“Il Comune ha patrocinato entrambi gli eventi –  commenta il Sindaco Alessandro Luciani – Per quanto riguarda il Pagliaio d’Oro, per noi è una delle manifestazioni più importanti, ci sono bambini del nostro territorio che, grazie a questo concorso, crescono con le note del bel canto. Per la Pasquella sono orgoglioso che Spinetoli riscopra questa antica tradizione”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 120 volte)