ASCOLI PICENO – “Con l’avvicinarsi del prossimo pensionamento del primario di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Mazzoni dottor Ennio Castelli, siamo in febbrile attesa di prendere visione della determina che nominerà il prossimo facente funzione, in attesa del concorso definitivo”: a parlare è il consigliere regionale del M5S Peppe Giorgini che mette la lente di ingrandimento sulla scelta “viste le polemiche nate internamente ed esternamente all’Area Vasta 5 dopo le nomine dei nuovi primari che hanno seguito come al solito una linea politica, più che di merito” scrive il grillino riferendosi anche alle querelle che hanno seguito, a San Benedetto, la nomina del primario di Pronto Soccorso.

“Quali saranno i nomi in lizza? Su chi ricadrà la scelta? Ci poniamo questi quesiti perché l’Area Vasta ha una unica gestione amministrativa e siamo curiosi di sapere se l’accesso alla domanda sarà ad esclusivo appannaggio del nosocomio Ascolano oppure potranno accedervi anche i professionisti che operano nel polo di San Benedetto” continua Giorgini.

Quali saranno i criteri di scelta? Potremo finalmente parlare di meritocrazia o dovremo subire nuovamente scelte di natura politica?” si chiede il consigliere regionale. “Come Movimento 5 Stelle valuteremo attentamente i curricula dei candidati e dopo la scelta che porrà in essere l’amministrazione, saremo in grado di valutare se si ha a cuore la salute delle donne del Piceno o se ancora una volta sarà la discriminazione politica a farla da padrone”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.