SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una nota stampa di Rifondazione Comunista in merito alla vicenda dei due poliziotti che hanno firmato al banchetto della Lega a favore di Matteo Salvini.

Apprendiamo con costernazione che su Facebook, postata da un senatore della Lega Nord e poi cancellata e ripostata, gira una foto dove due poliziotti, in divisa e quindi in servizio, si apprestano a firmare presso il banchetto del partito del Ministro dell’Interno.

Al di là del fatto che possa essere legale o no che dei tutori delle forze dell’ordine in servizio facciano questo gesto politico ben chiaro, ci pare francamente molto pericoloso che la Polizia di Stato presti, in maniera così evidente, il proprio fianco a una strumentalizzazione politica di questa portata.

Siamo abituati troppo spesso a comportamenti dubbi e particolarmente repressivi rivolti verso le forze soprattutto di sinistra ed extraparlamentari, ma una cosa di questo tipo segna un passo in avanti che francamente non avremmo mai voluto vedere.

Già ne abbiamo viste abbastanza da parte del nostro Ministro dell’Interno che fa i suoi comizi di carattere politico con addosso le giacche della Polizia, e la cosa farebbe ridere se poi il passo successivo non fosse quello che vediamo nella foto che è stata fatta girare.

Cosa dobbiamo aspettarci quindi dalle forze dell’ordine? Che la loro attività di repressione si cominci a collocare da una parte politica ben precisa? E chi non la pensa come la Lega Nord fino a che punto sarà tutelato? Non vorremmo mai risvegliarci un giorno in cui la Polizia di Stato in realtà sia diventata la Milizia della Lega Nord.

Chiediamo al Questore di Ascoli Piceno di avviare i provvedimenti disciplinari del caso.

Gabriele Marcozzi

Segretario Federazione Picena Rifondazione Comunista.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.805 volte)