ASCOLI PICENO – Dopo la brutta sconfitta casalinga per 4-2 contro la Salernitana, l’Ascoli Calcio ha ripreso gli allenamenti in vista della delicata trasferta di Cremona di sabato 23 febbraio.

A parlare in casa bianconera è il centrocampista Michele Troiano, pronto a rientrare in campo dopo essere rimasto fermo per un problema al ginocchio: “Sto bene, sono rientrato con il gruppo e sabato sarò a disposizione. Con la Salernitana non ero in condizione di giocare, il mister ha fatto bene a non farmi entrare. Siamo abbastanza sereni, siamo una squadra esperta, sapevamo potesse arrivare un momento difficile, non giocare ci ha fatto male, avevamo finito bene con il Crotone ma la sosta non ci ha fatto bene. Siamo una squadra unita e compatta, abbiamo visto i nostri errori e dovremo cercare di non rifarli. Il fatto che non giocavo io non vuol dire niente, magari con me perdevamo 6-2, dobbiamo ripartire dall’atteggiamento del secondo tempo, dobbiamo sapere che l’Ascoli deve giocare in quel modo, non solo come gioco ma anche come carattere”

“Con il Perugia avevamo fatto un buon primo tempo – continua il centrocampista bianconero – i gol ci hanno tagliato le gambe, abbiamo dimostrato di essere bravi giocatori; dobbiamo risollevarci, fortunatamente nel girone di andata abbiamo messo fieno in cascina, dobbiamo tornare quelli. I nuovi arrivati stanno lavorando tanto, non è facile inserirsi subito nei meccanismi di squadra ma si stanno impegnando tanto, non bisogna caricarli di troppe responsabilità, non possiamo pensare che risolvano tutto ma bisogna metterli in condizione di fare bene. Siamo una squadra, ci crediamo tutti e lavoriamo tutti insieme. In serie B non ci sono partite facili, a Cremona sarà un’altra battaglia, loro erano partiti per altri obiettivi e vorranno vincere ma davanti troveranno venti belve con la bava alla bocca”

“La squadra è sempre stata consapevole di dover raggiungere la salvezza – prosegue Troiano – se la afferriamo prima tanto meglio, dopo potremo guardare ad altri obiettivi; adesso è inutile pensare ad obiettivi a lungo termine, pensiamo alla Cremonese e a fare punti lì. Ogni squadra ha i suoi problemi, non mi piace guardare in casa degli altri, dipende da noi, non dobbiamo sperare che le altre non facciano risultato. Con i fatti abbiamo dimostrato di avere una squadra di uomini, non è un momento favorevole ma abbiamo tutte le carte per tornare a fare delle prestazioni diverse che sono sinonimo di risultato”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.