ASCOLI PICENO – Si è tenuto ieri giovedì 7 marzo l’incontro della coalizione di centrosinistra per parlare del nome del possibile candidato sindaco alle prossime elezioni comunali di Ascoli Piceno. Presenti Emidio Luzi per il Partito Socialista, Nello Tizzoni per Articolo 1 e Angelo Procaccini per il Partito Democratico.

Abbiamo raggiunto telefonicamente il segretario dei democratici ascolani Angelo Procaccini.

Com’è andato l’incontro?
Bene, ci siamo confrontati sul percorso da seguire, da oggi fino a metà marzo lavoreremo per trovare un nome che faccia da sintesi a tutte le varie anime della coalizione e del partito.

E’ stato fatto qualche nome?
Sì ma è presto per annunciarli, rischieremmo di bruciarli,  anche perché sono persone al di fuori dei partiti, ci sono tre/quattro nomi in ballo, abbiamo già delle disponibilità. L’importante è che siano in forte discontinuità con la politica effettuata dal centrodestra.

Avete preso in considerazione le primarie?
No, non ne abbiamo parlato; hanno senso a livello nazionale, a livello territoriale sono a forte rischio inquinamento, come abbiamo visto in passato.

Delle liste civiche avete discusso?
Vogliamo portare liste civiche tematiche, che rappresentino il volontariato ed il sociale con temi veri e che non siano leve di potere. Ci sono tante idee, molto dipenderà dalla figura del candidato sindaco.

Si è parlato di un possibile appoggio a Celani, cosa ne pensa?
Qui è bene fare chiarezza: Celani mi pare imprescindibile che voglia fare il sindaco, con o senza centrodestra o Forza Italia, noi correremo con il nostro simbolo, lui da solo. Un discorso diverso è dire che siamo disposti a dialogare con tutti, anche con i moderati che rinnegano le scelte compiute in questi anni dal centrodestra. Diversa è la nostra disposizione nel voler arginare il pericolo Lega sulla nostra città: quanta gente vuole dare discontinuità al governo di Ascoli? Noi siamo pronti ad accogliere chi è scontento di questa politica.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.