OFFIDA – Negli ultimi 5 anni l’Amministrazione offidana ha attribuito dei nomi a ogni Bilancio: nel 2014-2015 della strategia (l’epoca post Monti e della spending review); nel 2016 dell’opportunità (nonostante il sisma); nel 2017 della ripartenza; nel 2018 dello sviluppo e della crescita.

Il 28 marzo il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza il Bilancio 2019: quello della Dote.

“Si iscrivono al bilancio – commenta l’Assessore Roberto D’Angelo –  tutte le opportunità che abbiamo colto, mantenendo le misure passate. Non è un risultato scontato. Per i prossimi anni ci sarà molto lavoro da fare per la nuova amministrazione, viste le tante progettualità messe in campo: 17 milioni di euro di opere da realizzare e 26 milioni di euro complessivi. I risultati sotto gli occhi di tutti: dal primo anno in cui ci siamo insediati, fino a oggi, i capitoli sono stati puliti: non hanno problematiche di incasso o dati scritti in maniera errata. Questo risultato deriva dal lavoro di squadra, abbiamo rispettato sempre le scadenze, ogni atto programmatico”.

Sono stati 9 i punti all’ordine del giorno in cui si è definito il Bilancio 2019. Questi hanno riguardato la riapprovazione dell’Imu e della Tasi e dell’Irpef, che rimarranno invariate, e la conferma degli sgravi per la Tari con le nuove agevolazioni per le imprese che assumono (Misura più Lavoro meno Tasse). Approvato anche il piano finanziario per la componente Tari fissato a una media di 85 euro. “Questa è una mossa di correttezza politica – ha aggiunto D’Angelo –  se avessimo tenuto conto solo del conferimento a Relluce, che è provvisorio, avremmo potuto abbassare la componente Tari a una media di 50 euro, ma nei prossimi mesi i rifiuti verranno conferiti altrove, il prezzo aumenterebbe e ciò andrebbe a discarico dei cittadini”.

Approvati sia il Piano di Valorizzazione e Dismissione del Patrimonio comunale (attualmente  non sono previste dismissioni), sia il Documento Unico di Programmazione 2019-2021.

In ultimo è stato approvato il punto sul Bilancio della Dote, che l’Assessore D’Angelo ha inteso come una serie di progettualità, di ricerca continua di fondi e di investimenti che riguarderanno il futuro di Offida.

“Quando iniziai l’avventura da Sindaco, dieci anni fa, il bilancio del Comune di Offida era di quasi 6 milioni di euro  – continua Valerio Lucciarini – Chiudere questa appassionata esperienza, lasciando in dote un bilancio di quasi 26 milioni, di cui 17 di opere finanziate, è una gratificazione enorme”.

Poi il Sindaco ha risposto a Officina Offida dopo la volontà espressa di votare contro il Bilancio, seppur elogiandolo in parte: “Ci troviamo di fronte a risultati riconosciuti da tutti  e ve ne sarete accorti anche voi dell’opposizione, perché se non l’aveste fatto è perché non vivete in sintonia con il territorio. Ne prendo atto. Non avendo visto emendamenti, però, lasciatemelo dire, pensavo che la minoranza avesse ritenuto congruo il Bilancio. Ricordo che l’emendamento è lo strumento per misurare l’alternativa politica, in sua assenza le chiacchiere stanno a zero”.

“Siamo orgogliosi di avere avuto l’ambizione di riuscire a fare cio che era nelle nostre intenzioni – conclude Lucciarini – Il Bilancio 2019 porta in dote una capacità economica e finanziaria alle future amministrazioni comunali, con una configurazione chiara e seria. E per questo ringraziamo la collettività offidana”.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.