ASCOLI PICENO – Nelle Marche crescono rispetto allo stesso periodo del 2018 le infrastrutture destinate alla ricarica dei veicoli elettrici, ma ci sono ancora troppi autoveicoli”.

Lo dice “Le città elettriche”, il primo rapporto sulle mobilità a emissioni zero in Italia, realizzato da Legambiente in collaborazione con MotusE (associazione per la mobilità elettrica) e presentato a ExpoMove a Firenze.

Le Marche si collocano al 13/o posto nella classifica nazionale, con 104 infrastrutture per le automobili e ricariche veloci (nel 2018 erano 40) e 37 per le due ruote e ricariche lente (erano otto).

“Nonostante i numeri siano decisamente incoraggianti e si noti un netto miglioramento – osserva Legambiente – la strada da fare è ancora molto lunga. Il dossier analizza i dati dei 104 capoluoghi italiani attraverso diversi indicatori: dalla disponibilità di mezzi elettrici, all’inquinamento, al tasso di motorizzazione, alla presenza di piste ciclabili, realizzando una mappatura sull’offerta di mobilità a zero emissioni in Italia”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.