APPIGNANO DEL TRONTO – Appuntamento culturale nell’entroterra.

Sabato 18 maggio, alle ore 21, va in scena presso il Teatro Comunale S.A.L.E. di Appignano del Tronto la compagnia teatrale “Sciara Progetti-Teatro” con lo spettacolo “Uno strappo” diretto ed interpretato da Ture Magro.

La rappresentazione  è tratta da una storia vera: l’aggressione a Nicola Tommasoli da parte di un gruppo di cinque ragazzi, che porterà al decesso del giovane, avvenuta la notte tra il 30 aprile e il primo maggio 2008 a Porta Leoni a Verona ed ha lo scopo di sensibilizzare giovani e non sul tema della violenza.

Il regista e attore siciliano ha creato questo spettacolo nel quale racconterà, reinterpretandola con un preciso e lucido riferimento alle fonti dell’epoca, la storia di Nicola Tommasoli. Magro è noto per il suo impegno civile e per le storie che raccontano fatti di toccante attualità.

Uno spettacolo di una potenza straordinaria, che apre a domande scomode, che spesso le persone non si fanno: una interpretazione molto toccante e profonda, con un grande intensità emotiva che scuote e commuove, Ture Magro ci racconterà una storia che merita di essere ascoltata.

Ingresso gratuito. Lo spettacolo è finanziato dal Comitato “Sisma Centro Italia”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.