ANCONA – Aiutare i genitori con il pagamento di nidi e centri d’infanzia. Questo lo scopo della Regione che ha assegnato 430mila euro di risorse aggiuntive per far scorrere la graduatoria 2018-2019 per asili nido e centri d’infanzia, consentendo di ricevere il contributo ad altre 218 famiglie che non erano state ammesse. Lo ha deciso la giunta regionale su proposta dell’assessore all’Istruzione Loretta Bravi. Nella graduatoria erano già rientrate 515 famiglie per una assegnazione complessiva di un milione di euro.

E’ un provvedimento, ha spiegato Bravi, “per aiutare i genitori che lavorano a pagare le rette di nidi e centri dell’infanzia e a conciliare meglio i tempi famiglia/lavoro. Il numero di domande pervenute testimonia l’importanza di questa misura che, grazie ai risparmi della giunta, può essere estesa a tutti quelli che ne avevano fatto richiesta. Il voucher è uno strumento fondamentale per favorire l’inclusione sociale e potenziare i servizi di cura per incrementare i tassi d’attività e occupazione delle mamme e di fornire supporto nei compiti educativi di cura e accudimento dei figli”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.