ASCOLI PICENO – Sembrava quasi terminata una delle stagioni più “strane” della serie B, dopo la retrocessione decisa a tavolino del Palermo in C viene tutto ribaltato. Prima il Collegio di Garanzia del CONI,  poi la sentenza della Corte d’Appello Federale, che salva il Palermo con un -20 punti e decide che mercoledì 5 giugno a Salerno, con ritorno domenica 9 a Venezia si giocheranno i play out tra Venezia e Salernitana. Sull’altro fronte si stanno disputando anche i playoff per la serie A e nella gara di andata il Cittadella ha superato per 2 reti a 0 il Verona.

L’ex allenatore dell’Ascoli che aveva preso la gestione tecnica dei lagunari a stagione in corso si sfoga: “Sono deluso. La stagione è terminata da 25 giorni, non ci siamo allenati regolarmente ma  farò quello che mi dice la società. Sono rimasto molto colpito quando mi è arrivata una foto di un cartellone esposto dai tifosi “Rispettate la maglia non giocate” sembra una contraddizione enorme questo penso debba farci riflettere, nel giro di pochi anni il calciomercato sarà degli avvocati non degli attaccanti  ma io voglio allenare buoni attaccanti non buoni avvocati:”


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.