SPINETOLI – Individuati e fermati gli autori di un fatto criminale compiuto a maggio nell’entroterra ascolano.

Fermate due persone, napoletane di 25 e 34 anni, per la rapina avvenuta a Pagliare del Tronto ai danni della filiale della Banca Popolare di Bari.

Il bandito con una scusa aveva incontrato Direttore e vice Direttore e si era fatto consegnare, con taglierino alla mano, il denaro fuggendo in maniera rapida con 11 mila euro. Il complice era probabilmente all’esterno ad attenderlo in auto.

Qui l’articolo

Banca rapinata a Pagliare, con un taglierino bottino da 11 mila euro

Avevano colpito anche in Campania ferendo un impiegato ad Ariano Irpino, nella filiale della banca di credito cooperativo di Flumeri. 

“I militari del nucleo operativo della Compagnia Carabinieri di Ariano Irpino, diretti dal capitano Andrea Marchese, hanno dato esecuzione a un decreto di fermo emesso dal Pubblico Ministero della Procura di Benevento diretta da Aldo Policastro, nei loro confronti, in quanto ritenuti gravemente indiziati della commissione di una  rapina aggravata eseguita con l’ausilio di arma impropria, in particolare un taglierino provocando, nel caso di Ariano, lesioni personali ai danni del al cassiere della banca” si legge in una nota del Comando.

L’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, si è sviluppata tra marzo scorso e giugno.

I due fermati sono stati accompagnati nel carcere Campanello di Ariano Irpino, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria sannita. L’operazione è stata eseguita dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Ariano Irpino.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.