MONSAMPOLO DEL TRONTO – A nemmeno un mese dalle elezioni, che hanno visto la vittoria di Massimo Narcisi su Pierluigi Caioni, quest’ultimo non attende per far sentire, sin da subito, la propria voce e quella del suo gruppo “Uniti verso il futuro”.

Ieri sera 14 giugno, alle 21, si è tenuto il primo consiglio comunale post elettorale (di insediamento) a Monsampolo del Tronto e, immediatamente, l’ex primo cittadino defenestrato nonché capogruppo di minoranza ha dato filo da torcere alla nuovissima amministrazione con corposo intervento in aula, un’interrogazione e un’interpellanza.

Nell”intervento, Caioni ha tenuto a ribadire il grande dispiacere per i risultati elettorali, che lo hanno visto perdere contro una squadra che ha lasciato commissariare il comune: “Abbiamo vissuto una strana campagna elettorale, che ha visto prevalere chi ha avuto l’ardire, la presunzione e soprattutto l’incoscienza di far vergognosamente commissariare, senza  motivo alcuno,il proprio Comune“.

Chiarito che, certamente, “Uniti verso il futuro” mai ricorrerebbe né ricorrerà al commissariamento, “consci della gravità del gesto”, Caioni esprime una piccola soddisfazione per la crescita, seppure lievissima, del consenso verso il proprio gruppo.

Contro il suo avversario, prosegue Caioni: “Nostro malgrado, con il risultato di queste elezioni, il paese ha temporaneamente ammainato le vele lasciando la nave alla deriva, quella deriva diretta verso un antico mondo, piccolo, piccolo, clientelare, fatto di vecchia politica dei favori, delle promesse irrealizzabili,di ” piccole cose” chieste a bassa voce,di nascosto,quasi con vergogna,all’amico politicante in cambio di un piccolissimo voto”.

“I nostri concittadini, ne sono certo – spera il capogruppo di opposizione – passato il periodo del narcotizzante ascolto delle favole e della fisiologica ”luna di miele” riprenderanno, purtroppo, contatto con i problemi reali che affliggono quotidianamente il nostro paese e le nostre famiglie e vedranno tutto più chiaramente,ingrossando fisiologica mente le fila dell’insoddisfazione e della protesta civile e noi, pazientemente, li aspetteremo“.

Dopo aver ringraziato il commissario Dinardo per il lavoro svolto per il paese, l’intervento così si conclude: “Inizia oggi,ora,la nostra battaglia all’opposizione e finirà solo tra cinque anni e non attenderemo che qualcuno raccontandoci favolette, la sera, ci spenga la luce…”.

Proprio come annunciato, infatti, subito arriva la prima interrogazione sull’uso del mezzo comunale “Ricordando Sante” che sarebbe affidato, in maniera impropria, a volontari per il trasporto di persone disabili o bisognose di cure presso centri di riabilitazione, ambulatori o ospedali o quant’altro,senza tutele per i trasportati,gli autisti e l’amministrazione stessa.

“Se tutto questo fosse vero si chiede chi ha autorizzato questa procedura impropria (nome e Cognome del responsabile) e si diffida comunque dal continuare con questo deprecabile andazzo, ritenendo responsabile questa amministrazione per ogni e qualsiasi danno che ne potrà derivare a persone o mezzi o comunque per qualsiasi danno anche di tipo economico possa essere cagionato alla stessa amministrazione dall’affidamento improprio o illegale, anzi detto del mezzo”.

Infine, il capogruppo di “Uniti verso il futuro”, tramite una interpellanza, solleva il problema relativo alla viabilità di Via Colombo in relazione all’apertura del nuovo insediamento produttivo della Magazzini Gabrielli s. p.a. e sviluppi dell’accordo di programma stipulato tra Magazzini Gabrielli, Consind, provincia di Ascoli Piceno e comune di Monsampolo del Tronto.

In particolare, Caioni chiede come Narcisi e la sua squadra intendano risolvere la questione : “In attesa di far realizzare la nuova viabilità, quali brillanti idee pensa di mettere in atto la nuova amministrazione tra quelle di seguito suggerite: la chiusura di Via Colombo nel tratto sud oltre il sottopasso ferroviario; il divieto di transito ai mezzi pesanti sulla via Colombo; il divieto di transito ai mezzi leggeri sulla via Colombo; la chiusura dell’uscita di Monsampolo del Tronto del raccordo autostradale con la A14; l’oblio. Noi un’idea purtroppo ce la siamo fatta”.

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.