ASCOLI PICENO – Il comune di Ascoli Piceno e l’associazione “Marche Rifiuti Zero” si sono incontrati venerdì 14 giugno per discutere sul percorso verso Rifiuti Zero.

In linea con le direttive guida europee, l’amministrazione, con il fine di dissociare la crescita dalla produzione dei rifiuti, si è impegnata a controllarne tutto il ciclo, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero e il riciclaggio e, per quanto attiene la gestione delle risorse, ha fissato come obiettivo strategico una gestione efficiente nell’impiego delle stesse, anche attraverso il recupero di materiali dai rifiuti da utilizzare come materie secondarie.

Il comune si è posto come obiettivo la riduzione della quantità dei rifiuti indifferenziati destinati allo smaltimento in discarica o all’incenerimento e un incremento della raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati. Il comune piceno aderisce così alla “Strategia Rifiuti Zero” proposta da Rossano Ercolini, ideatore del progetto e presidente del Centro di Ricerca Rifiuti Zero e dell’associazione Zero Waste Europe.

L’incontro ha riconfermato la consapevolezza della possibilità di smaltire i rifiuti in maniera sostenibile senza convogliarne tonnellate in inceneritori o in discarica e senza immettere microplastiche nei mari. L’amministrazione è convinta che un’attenta politica di gestione dei rifiuti che punti alla loro prevenzione, al riuso, al massimo recupero di beni e materiali, sia possibile solo attraverso una collaborazione responsabile e lungimirante fra cittadini, istituzioni e produttori.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.