ANCONA – “Invecchiare in salute, senza compromettere la qualità di vita”. È il filo conduttore dell’evento “Advantage” (progetto cofinanziato dall’Unione europea) che si terrà (martedì 25 giugno) a Roma, presso il ministero della Salute (Auditorium Lungo Tevere Ripa, 1).

Verrà lanciata, ufficialmente in Italia, la campagna #affrontiamolafragilità (#faceuptofrailty), a cui stanno partecipando i ventidue Stati membri coinvolti per sensibilizzare l’opinione pubblica e il sistema sanitario sui temi della fragilità degli anziani.

L’incontro è organizzato dalla Regione Marche, capofila delle cinque amministrazioni regionali italiane (insieme a Campania, Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna) scelte dalla Ue come poli d’eccellenza nella prevenzione delle malattie croniche senili. L’incontro è organizzato in collaborazione con il Ministero e con i principali enti italiani che collaborano al progetto, come l’Inrca, l’Istituto superiore di sanità, l’Università cattolica del Sacro Cuore e Agenas.

L’appuntamento romano è dedicato agli amministratori pubblici e ai professionisti sociosanitari. Verranno presentate le linee guida della strategia condivisa dalla prima azione comune europea sul tema della fragilità degli anziani. Nella nostra regione un quarto dei cittadini ha più di 65 anni e di questi un terzo è ultraottantenne, quasi un marchigiano su dieci è un grande anziano. Gestire e governare, in termini di qualità, la fragilità della terza età, significa orientare il sistema sanitario, mettendo al centro le persone anziane.

Il cambiamento demografico è una delle sfide più impegnative che l’Europa si trova attualmente ad affrontare. “Nel 2017, le persone di 65 anni e oltre erano circa 99 milioni, il 19,4% della popolazione totale dell’Ue e il trend, in crescita, suggerisce un incremento delle disabilità e della dipendenza senili che, in definitiva, avranno un impatto non solo sul benessere degli individui colpiti, ma anche sulla sostenibilità dei sistemi sanitari.

“Pertanto – ha spiegato Lucia Di Furia, Direttore del Servizio Sanità della Regione Marche – è necessario continuare a innovare e ridefinire i sistemi sanitari per affrontare al meglio le nuove sfide della sanità pubblica, con una particolare attenzione verso le esigenze delle persone anziane e l’adozione di approcci innovativi all’erogazione dei servizi. La fragilità non è conseguenza inevitabile dell’invecchiamento: può essere prevenuta ed è spesso reversibile adottando stili di vita sani, offrendo alle persone anziane la possibilità di vivere più a lungo e in buona salute, senza perdita delle funzionalità”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.