MACERATA – Molti tecnici della ricostruzione post terremoto invitati a un incontro organizzato il 23 luglio dall’amministrazione comunale di Caldarola (Macerata) e da InarSind Marche (Associazione di Intesa Sindacale degli Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti Italiani), hanno firmato un manifesto denunciando “parcelle al limite dello sfruttamento per bassi importi”, con “tempi e modalità di pagamento assurdi”.

“I tecnici – si legge nel documento – sono stanchi di caricarsi sulle spalle gli oneri della Ricostruzione e pertanto si dichiarano pronti alla serrata”.

Nel manifesto si chiede, tra l’altro, “la possibilità per il proprietario di anticipare ai professionisti le prestazioni effettuate; di sbloccare la querelle dell’anticipo del 50%; la nomina immediata del CTS (Comitato Tecnico Scientifico) fondamentale per risolvere gli innumerevoli casi particolari che i professionisti e i tecnici dell’Ufficio ricostruzione si trovano giornalmente ad affrontare; la creazione di un sito dove consultare i pareri del CTS”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.