ASCOLI PICENO – Seicento partecipanti per i primi tre spettacoli di Invasioni Contemporanee, il progetto ideato da Melting Pro e realizzato dal Comune di Ascoli Piceno insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, per promuovere il sistema turistico dei centri colpiti dal terremoto nella provincia picena.

I luoghi del “Cratere” sono stati al centro delle performance per la valorizzazione dei patrimoni identitari e territoriali e per il consolidamento del tessuto sociale delle comunità che vi abitano e la risposta di turisti e residenti non si è fatta attendere.

Grande la commozione del pubblico presente alla performance artistica a cura di Cecilia Ventriglia, Guillermo de Cabanyes e Serena Abrami a Montegallo: l’antica campana della chiesa di Santa Maria in Pantano è tornata a battere per la prima volta dopo il terremoto. Issata su una gru, le sue vibrazioni hanno riecheggiato nell’aria grazie ai fratelli Antonio e Antonietta Bocci, i due campanari che l’hanno suonata fino al giorno del terremoto.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.