SARNANO – “Credo siano legittime le sollecitazioni che arrivano dai tecnici e infatti su quelle stiamo facendo un ragionamento, però non sono imputabili come cause di blocco della ricostruzione”.

Così a Sarnano (Macerata) il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Ricostruzione post sisma Vito Crimi ha risposto ai cronisti a proposito dei tecnici e professionisti che hanno paventato anche una ‘serrata’ per le parcelle basse e la difficoltà di avere l’anticipo del 50% sulle prestazioni.

“Per l’anticipazione del 50% – ha osservato Crimi a margine dell’inaugurazione dei lavori della nuova scuola primaria “Giacomo Leopardi” finanziata con 2 milioni di euro da Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici) – è una questione che il Commissario deve risolvere trovando le soluzioni anche per avere le garanzie per il recupero, nell’eventualità non vada a buon fine un tipo di ricostruzione, un’attività di un tecnico”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.