SPINETOLI – È da poco terminato il corso di lingua italiana per extracomunitari che si è tenuto a Spinetoli.

Il progetto, nato per favorire l’integrazione dei giovani stranieri, è stato attivato dall’Unione dei Comuni della Vallata e seguito dal dottor Luigi Ficcadenti. Spinetoli è stato l’unico Comune ad aderire e l’Amministrazione Luciani, durante il primo mandato, aveva concesso gratuitamente una sede.

Sono stati tre gli insegnanti che si sono impegnati per la riuscita del corso, che si è tenuto da novembre a luglio: Antonella Cherubini, Vincenzo Eusebi e Stefania Fiore. Le lezioni si sono svolte tutti i giovedì pomeriggio; diversi ragazzi extracomunitari si sono avvicendati a seconda delle esigenze e alcuni, che hanno frequentato regolarmente, oggi sono in grado di comunicare in italiano. 

Gli insegnanti hanno ringraziato il Sindaco Alessandro Luciani per la disponibilità e il primo cittadino ha fatto altrettanto, sottolineando la bontà del progetto.

“L’integrazione va affrontata seriamente – spiega Luciani –  proprio a partire dal problema linguistico. Senza la possibilità di comunicare adeguatamente, gli extracomunitari non si sentirebbero mai a casa e per gli abitanti di Spinetoli rimarrebbero sempre estranei. Non possiamo permette che si ergano muri simili. L’Amministrazione ha sempre cercato di mettersi a disposizione per far sì che le distanze fossero colmate. Anche se il nostro, il mio, andare incontro a certe tematiche, in un recente passato, ha scatenato diverse pesanti critiche. Io sono il Sindaco di tutti coloro che vivono a Spinetoli e il mio dovere è anche quello di non esacerbare le fratture, ma di porvi un collante”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.