PAGLIARE DEL TRONTO – Vicenda conclusa e provvedimenti eseguiti per un episodio accaduto due mesi fa nell’entroterra ascolano.

A maggio ci fu, a Pagliare del Tronto presso la Banca Popolare di Bari, una rapina. Un uomo a volto scoperto e con un taglierino rubò circa 10 mila euro e si diede alla fuga immediata.

Qui l’articolo

Banca rapinata a Pagliare, con un taglierino bottino da 11 mila euro

I carabinieri di Monsampolo e del Nor di San Benedetto, supportati dai militari di Ascoli, dopo aver fatto gli accertamenti del caso fecero scattare immediatamente le indagini.

Si pensò subito a dei complici dato il “modus operandi”. La segnalazione di tale fatto arrivò anche ai carabinieri di Ariano Irpino, alle prese con una banda che agiva in Campania allo stesso modo.

Infatti, a giugno, vennero arrestate due persone campane di 25 e 34 anni, ritenute colpevoli dei fatti accaduti in Campania ma anche a Pagliare del Tronto.

Qui l’articolo

Banca rapinata a Pagliare, rintracciati e arrestati i responsabili

Sono saltate fuori altre indiscrezioni, e indagini, nonché nuovi arresti: è stato rivelato che già a maggio fu fermata l’auto dei rapinatori della banca di Pagliare in Campania con all’interno il bottino e le fascette utilizzate per l’atto criminale. Da lì l’inchiesta approfondita da parte dei carabinieri.

Alla base di questi e altri elementi, sono stati decretati altri due arresti: un 40enne e un 37enne, entrambi campani per rapina aggravata in concorso.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.