ANCONA – La Regione ha approvato un programma di interventi di due milioni di euro per la manutenzione idraulica, difesa del suolo e sistemazione forestale da realizzare nelle aree montane delle Marche.

Ne dà notizia l’assessore all’Ambiente, Angelo Sciapichetti, che specifica: “Gli interventi, realizzati con l’utilizzo di tecniche a basso impatto ambientale come l’ingegneria naturalistica, saranno volti a ripristinare situazioni di rischio idraulico e dissesto idrogeologico causati da eventi atmosferici estremi che in questi ultimi periodi hanno colpito duramente la regione”.

Il programma verrà realizzato dalle Unioni Montane quali enti attuatori.

“I finanziamenti – aggiunge l’assessore – rappresentano una concreta strategia integrata a sostegno e sviluppo economico, sociale e demografico dell’entroterra marchigiano messo a dura prova dagli eventi sismici. A tal fine, il provvedimento offre la possibilità di applicare l’articolo 6 della Legge regionale 18/08 secondo il quale le Unioni Montane possono affidare l’esecuzione di lavori e i servizi attinenti alla difesa del suolo tramite apposite convenzioni ai soggetti quali cooperative di produzione agricola e di lavoro agricolo forestale che abbiano sede ed esercitino prevalentemente le loro attività nei comuni montani”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.