ASCOLI PICENO – Capoluogo invaso di persone il 10 agosto.

È andata in scena la Notte Bianca ad Ascoli Piceno.

Centro affollato. Tante persone, famiglie e giovani, anche da altre città.

Concerto de La Rua in piazza del Popolo e folla in estasi. Anche uno spettacolo pirotecnico nel salotto Piceno.

“La notte è fatta per sognare” è stato lo slogan scelto per una serata all’insegna del divertimento e dello shopping, ma anche dell’arte e della cultura, con una serie di iniziative e di concerti volte a far scoprire le bellezze della città.

Anche la musica ha avuto un ruolo da protagonista: non solo La Rua ma anche altre band hanno animato le vie del centro.

Nell’ambito dell’evento si è svolta anche “La Notte è fatta per…la bellezza“.

La Pinacoteca Civica, Galleria Licini, teatro Ventidio Basso e teatro Filarmonici sono rimasti aperti dalle 19 alle 23 con visite guidate.

Davanti al Ventidio, sotto la loggetta ha avuto luogo alle 21 e replica alle 22.30 la performance di Vincenzo di Bonaventura: “Monologo fantastico sull’avventurosa vita di Cecco d’Ascoli” e sempre nel loggiato è stata allestita una esposizione dei dipinti su Cecco di Emiliano Albani.

Apertura gratuita delle chiese romaniche con visite guidate dalle 19 alle 23: Sant’Agostino, Santa Maria Intervineas, San Gregorio Magno e SS. Vincenzo e Anastasio. Nella chiesa di S. Maria Intervineas alle 21 si è esibito il giovane chitarrista Lorenzo Iacobini, allievo del maestro Travaglini dell’istituto Spontini.

Apertura gratuita del Museo Archeologico con visite guidate delle tre sezioni del museo dalle 19 alle 24. A partire dalle 21 nella terrazza del museo si è tenuta la conferenza del professor Stefano Conti su Giuliano l’Apostata.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.