CASTORANO – Il maltempo non ferma uno degli eventi estivi più sentiti nel Piceno.

Parliamo della V’vtella a Castorano: il 14 agosto, nonostante un tempo incerto durante la giornata, si è svolta regolarmente la rassegna che festeggia, ogni anno, il raccolto dei contadini. Si celebra un momento importante della vita contadina.

Aumentata per questa edizione la vigilanza privata, 4 i varchi di accesso controllati dalla Fifa Sicurity, insieme a loro i volontari dei Carabinieri di Offida. Vietati vetro, lattine e bombolette spray di qualsiasi genere. L’anno prossimo anche la plastica. Impegnati per la serata anche la Picenambiente e la Croce Verde di San Benedetto del Tronto. I carri erano 10, con una postazione fissa dove è stato possibile acquistare anche dei gadget.

In molti, dalle Marche e dall’Abruzzo ma anche da altre zone d’Italia, hanno raggiunto il Borgo. Una folla festosa.

Dalla trippa ai fagioli con le cotiche, tanti i piatti della tradizione ai quali si sono uniti i più moderni hot dog, pizza e cocomero. Otto i carri sono frutto del lavoro e della creatività dei castoranesi, poi uno di Castel di Lama e uno di Centobuchi.

Ogni carro con la propria musica fino alle 3 del mattino e con un colore diverso per identificarsi. Soddisfatti organizzatori, Comitato V’vtella nella figura della presidentessa Sara Viviani e il primo cittadino Graziano Fanesi.

Una grande festa che non ha tradito, come di consueto. Enogastronomia, musica, balli, svago e divertimento. Cosa chiedere di più?

Ecco i nomi dei carri che hanno partecipato.

1) Olmo

2) Ttrucc

3) Ngacchie

4) Centotazze

5) Ottomani

6) Bbivie

7) Tropea

8) Maracaibo

9) Scocchiafigura

10) La Lama

11) Hostaria annus…


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.