ASCOLI PICENO – “La situazione a Castel di Lama e Villa Sant’Antonio è sempre più critica. Da tempo l’aria è impestata da una fortissima puzza di bruciato, come di plastica o gomma bruciata, che investe sia la parte bassa che Piattoni ma anche San Silvestro, come risulta dalle innumerevoli testimonianze dei residenti. La puzza non si sente solo in giro, ma entra nelle case e rende irrespirabile l’aria dentro gli appartamenti impedendo di dormire“.

Così il 20 agosto, in una nota, il Comitato anti inquinamento Villa Sant’Antonio-Castel di Lama che si batte da tempo contro gli effetti del depuratore presente in zona: ” Il fenomeno si ripete ad orari abbastanza costanti in ciascuna zona. Non si tratta quindi di eventi casuali o eccezionali, ma piuttosto sembra l’effetto di attività che si ripetono ogni giorno negli stessi orari. Dopo numerose segnalazioni all’Arpam, che non hanno prodotto alcun esito, sono state inviate comunicazioni anche all’Asur, al sindaco di Ascoli Piceno e a quello di Castel di Lama”.

“Oltre il fastidio insopportabile, preoccupa e non poco l’effetto sulla salute di sostanze di origine ignota, che provocano nell’immediato fastidi di varia natura ma non è dato sapere quali siano gli effetti sul lungo periodo” fanno sapere dal Comitato.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.