ASCOLI PICENO – L’Ascoli si prepara all’esordio nel campionato di Serie B 2019/20 che avverrà domani 24 agosto alle 21 al “Del Duca” contro il Trapani, appena superato per 2-0 in Coppa Italia.

“Sarà una partita con degli interpreti diversi rispetto all’impegno di coppa – afferma il tecnico bianconero Paolo Zanetti – sia da parte loro che da parte nostra, sarà una partita diversa con motivazioni diverse. La Coppa Italia è importante ma il campionato è un’altra cosa, abbiamo lavorato molto sulle cose che secondo me non sono state fatte bene, ci presentiamo con un piccolo step superiore. Non sono particolarmente emozionato, è sempre una partita di calcio ma ne seguiranno altre 37”.

“Noi siamo una buona squadra, attrezzata – prosegue il mister – Non siamo una corazzata, inutile prendere in giro la gente, da domani iniziano gli esami, vedremo di che pasta siamo fatti. Finalmente finisce il calcio parlato ed inizia quello giocato, che è quello che conta, noi dobbiamo lavorare in prima battuta su noi stessi e poi sugli avversari, è importante diventare squadra, lo siamo ancora a fasi alterne e dovremo essere più continui, allora l’Ascoli diventerà una squadra difficile da affrontare per tutti”.

“Faremo di tutto per vincere la partita – continua Zanetti – Con il Trapani ci siamo presi le misure, è normale che entrambi cambieremo qualcosa. Brosco ha lavorato a parte fino a ieri ed oggi dovrebbe rientrare, gli altri sono tutti disponibili. Il campo sarà pesante dopo questa pioggia, già non era in condizioni ottimali. Questa settimana i ragazzi si sono allenati benissimo e con grande intensità forse hanno sentito un po’ di pepe, tutti devono guadagnarsi il posto e devono mettermi in difficoltà, ad oggi non sanno chi giocherà”

“I nostri tifosi non hanno eguali – conclude l’allenatore dell’Ascoli – già in Serie C erano una tifoseria da Serie A, figuriamoci in B, saranno il nostro valore aggiunto, dovremo essere noi a fare in modo che il nostro pubblico ci diamo una mano, sia con un certo tipo di gioco sia con la mentalità. Sono contentissimo di giocare in casa, voglio vincere con il sostegno dei nostri tifosi, non penso a cosa succederebbe se le cose andassero male, parto in maniera propositiva per carattere. In questo campionato ci sarà da lottare tanto ed anche da soffrire in certi momenti, la cosa più importante sarà l’aspetto psicologico, noi dovremo avere innanzitutto consapevolezza nei nostri mezzi e l’umiltà di non sottovalutare mai l’avversario, penso che l’Ascoli si collochi tra gli outsider di questo campionato”.

Sono 23 i convocati per il match di domani con il Trapani: Fulignati, Lanni; Andreoni, Brosco, D’Elia, Ferigra, Laverone, Pucino, Quaranta, Valentini; Brlek, Cavion, Gerbo, Petrucci, Piccinocchi, Troiano; Ardemagni, Chajia, Da Cruz, Di Francesco, Ninkovic, Rosseti, Scamacca.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.