ARQUATA DEL TRONTO – In questi giorni ad Arquata del Tronto si sono ricordati i tristi giorni del sisma 2016.

Tra le istituzioni presenti alla cerimonia toccante nel Borgo Piceno anche il Commissario Straordinario alla Ricostruzione post-sisma, Piero Farabollini: “Serve un quadro normativo speciale, come accaduto per la tragedia del Ponte Morandi, qui ci sono 138 Comuni che stanno vivendo un dramma immenso, ed è sotto gli occhi di tutti che la legge 189 del 2016 non ha funzionato, perché non permette una ricostruzione veloce, con le tempistiche che questo territorio chiede. Stiamo cercando di salvare qualcosa, e le ordinanze cercano di individuare quei percorsi che possano in qualche modo accelerare la ricostruzione”.

Ma non basta. “Certo la situazione politica attuale non aiuta – ha aggiunto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Crimi all’Agi – anche perché già da settembre erano in programma appuntamenti importanti per poter andare incontro a quei processi di velocizzazione che vengono chiesti non soltanto da amministratori e cittadini, ma anche dalle imprese e dai tecnici. Continueremo ad essere al fianco di questi territori, qualunque siano le sorti del governo e del Movimento 5 Stelle”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.