FROSINONE – Termina per due reti a uno la gara tra Frosinone e Ascoli allo “Stirpe” match valido per la seconda giornata di serie B. Ascoli che parte bene, soffre ma trova il gol al 26esimo con Troiano di testa. Poi Lanni si supera in diverse occasioni, i bianconeri subiscono e si schiacciano ma riescono ad essere pericolosi diverse volta ma senza essere pungenti.

Il secondo tempo il Frosinone però attacca e viene fuori, i bianconeri calano di ritmo ma reggono bene, fuori Ardemagni per Rosseti e Cavion per Gerbo ma il vero cambio importante lo fanno i ciociari inserendo Dionisi che da una svolta al match. Purtroppo  a dieci minuti dal termine il rigore che però non doveva essere concesso per l’offside di Ariaudo che poi nel contrasto con Brosco cade a terra, arriva così il pareggio dal dischetto di Dionisi e poi la beffa al 90esimo con il gol vittoria di Paganini. Un episodio quello del rigore che condanna l’Ascoli e tutti si chiedono come il guardalinee non abbia potuto vedere ma sopratutto se sia ora di inserire il Var anche in serie B.

Federico Dionisi al termine: “Penso che tutti avevamo lavoglia giusta siamo andati sotto su calcio piazzato abbiamo raccolto questa vittoria fondaementale per noi non era semplice avevamo bisogno dei tre punti per il morale. Il rigore? si prendono delle responsabilità ero convinto che chiunque lo avesse tirato avrebbe fatto gol, avevamo un’altra testa rispetto  a Pordenone, dobbiamo migliorare abbiamo la sosta, testa bassa e lavorare.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.