ASCOLI PICENO – Continuano a crescere gli infortuni sul lavoro denunciati nelle Marche che nei primi sette mesi del 2019 hanno raggiunto quota 11.204, 174 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+1,6%). Sono 16 gli infortuni mortali da inizio anno: vittime due donne e 14 uomini.

Emerge dai dati diffusi dall’Inail ed elaborati dalla Cgil Marche a fronte di una statistica nazionale in leggero calo.

Nelle Marche crescono in particolare gli infortuni durante il lavoro (+2,3%) e diminuiscono quelli in itinere (-2,8%).

L’aumento più significativo (+5,5%) in provincia di Ancona, seguita da Pesaro Urbino (+1,9%). In calo gli infortuni denunciati nei territori di Ascoli Piceno (-3,2%), Fermo (-2,1%), Macerata (-1,1%). Impennata di infortuni in particolare nel settore calzature e abbigliamento (+16,4%); diminuzione nella meccanica (-6,9%). Particolarmente colpiti i giovani: per gli under 19 +6,9% e tra 20-29 anni (+3,7%). Anche per i lavoratori extracomunitari aumenti rilevanti (+9,5%).35

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.