ARQUATA DEL TRONTO – Una giornata di festa e condivisione in paese.

Sabato 14 settembre avrà luogo la decima edizione della ormai celebre “Fiaccolata in onore della Madonna del Chiarino” a Colle, frazione del comune di Arquata del Tronto. La Fiaccolata, organizzata dall’Associazione “Noi di Colle d’Arquata”, come ogni anno partirà alle 19.30 circa dalla Chiesa di Santa Maria della Rocca, piccolo edificio di culto situato su un costone di roccia in posizione panoramica sopra l’abitato.

L’edizione di quest’anno presenta diverse novità interessanti che arricchiranno il programma ricreativo.

Innanzitutto si è deciso di curare l’aspetto naturalistico ed escursionistico con un trekking da Colle all’Eremo di Sant’Amico di Avellana, dove avrà luogo l’accensione della fiaccola benedetta. Attraverso l’antico sentiero riaperto da “Noi di Colle d’Arquata” e “Arquata Potest” è infatti possibile ora ripercorrere il tracciato utilizzato tra il X e il XII secolo da eremiti quali Santa Adelpha, San Petrone, il beato Corrado da Offida, fra Pietro da Macerata e fra Angelo Clareno che decisero di dimorare tra questi monti, da loro considerati gli altari di Dio.

Poi l’aspetto culturale, con la presentazione, in serata, del libro di Gabriele Lalli dedicato proprio alla “Chiesa di Santa Maria della Rocca”, unica chiesa a non aver subito danni dal sisma in tutto il territorio, a voler sottolineare il ricchissimo patrimonio storico—artistico del comune dei 2 Parchi Nazionali.

Infine, ovviamente, l’aspetto ludico-ricreativo, con stand gastronomici in piazza specializzati in  grigliate di carne aperti fino a notte inoltrata e la band del cantautore Gianluca Lalli, originario di Colle d’Arquata, che accompagnerà la serata con le cover di Rino Gaetano.

Perciò tanti motivi in più per seguire questa edizione speciale della “Fiaccolata in onore della Madonna del Chiarino”, a sottolineare l’importanza di stare insieme di una comunità che tiene duro, anche nei momenti più difficili come quello attuale, in cui le ferite del terremoto sono ancora troppo evidenti per via di una ricostruzione mai partita. Anche qui a Colle d’Arquata che, sebbene sia la frazione meno colpita dell’intero comune, presenta anch’essa i danni ricevuti dai sismi del 2016.

“Tra fede e leggenda, si conserva vivo il culto della Madonna del Chiarino: la tradizione racconta che l’effigie della Madonna, proveniente dall’antico eremo situato tra le montagne di Colle di Arquata (dove dimorarono Sant’Amico e Frate Angelo da Fossombrone), scomparve più volte dalla sua nuova dimora (Chiesa di San Silvestro), per essere ogniqualvolta ritrovata nell’antico eremo tra i monti. Questo avvenne fino a quando, nella Chiesa di San Silvestro, fu realizzata un’apertura che permise all’effigie di essere sempre rivolta in direzione dell’eremo. Con la Fiaccolata i fedeli, venerando la Madonna del Chiarino, percorrono l’antica mulattiera che collega ancora oggi l’antico eremo all’abitato di Colle di Arquata”.

Di seguito il programma:
ore 15: escursione da Colle all’eremo di Sant’Amico con accensione della fiaccola benedetta (info e prenotazioni: 328.2089701).
ore 19: partenza verso la chiesa di Santa Maria della Rocca
ore 19.30: partenza dalla Chiesa di Santa Maria della Rocca
ore 20.30: arrivo della fiaccolata in paese. Stand gastronomici in piazza. A seguire presentazione del libro “La chiesa di Santa Maria della Rocca” di Gabriele Lalli.
ore 21.30: accompagnamento musicale dei “Rino cantando” di Gianluca Lalli.
ore 24: specialità locale “Pennette al fumo di carbone” offerte ai partecipanti. D.J. Faustino in piazza.

Per motivi di sicurezza, le fiaccole da utilizzare saranno esclusivamente quelle fornite dall’organizzazione (torce a vento). Tutti i partecipanti dovranno essere adeguatamente equipaggiati (calzature da trekking), dovranno attenersi alle direttive degli organizzatori.

Per maggiori informazioni: 328.2089701

Aggiornamenti relativi all’evento anche su Facebook, alla pagina https://www.facebook.com/events/361257271490456/ o nella pagina del gruppo https://www.facebook.com/NOIDICOLLEDARQUATA

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.