ANCONA – Nelle Marche, nel secondo trimestre 2019, gli occupati diminuiscono di 13 mila unità (-2%) rispetto allo stesso periodo del 2018 (+0,3% in Italia; +0,1% Centro Italia); i lavoratori dipendenti sono diminuiti di 16 mila unità e il tasso di disoccupazione è cresciuto dal 7,7% del secondo trimestre 2018 al 9,3% del 2019.

“È un quadro fortemente negativo – sottolinea la Cgil Marche – quello che emerge dai dati pubblicati di recente, dall’Istat, elaborati dall’Ires Cgil Marche sulle forze occupazionali del secondo trimestre del 2019″.

La regione è in “controtendenza” rispetto al livello nazionale dove la disoccupazione scende dal 10,7% al 9,8%, e al Centro Italia (dal 9,6% all’8,9%)”; ed è in “forte crescita” il tasso di disoccupazione femminile che “torna in doppia cifra” al 10,7%.

“Segnali molto preoccupanti – osserva Giuseppe Santarelli, segretario Cgil Marche – che, sommati ai dati sulla cassa integrazione, dovrebbero interrogare la politica in primo luogo ma anche tutti gli attori sociali


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.