ASCOLI PICENO – Finisce 2-0 Ascoli-Livorno grazie alle reti di Gerbo al 43′ e di Ninkovic al 95′ che proietta momentaneamente al terzo posto i bianconeri che riscattano la sconfitta di Frosinone grazie ad una gara attenta; positivi gli esordi di Padoin e Gravillon ed ottima la prestazione di Chajia che ha creato più volte il panico nella metà campo toscana ed è entrato nelle azioni dei due gol.

Il tecnico dell’Ascoli Paolo Zanetti: “Tutti pensiamo di aver fatto un ottimo mercato, cerco di farlo fruttare, in settimana faccio le mie scelte in base alla condizione ed  alla tattica, oggi ho fatto giocare Piccinocchi perché volevo il doppio regista. abbiamo fatto una prestazione come volevo, abbiamo avuto il demerito di non chiuderla e in due minuti di ordinaria follia abbiamo rischiato di non vincere la partita. Il Livorno è una squadra forte, faccio i complimenti ai miei ragazzi per la prestazione. Volevo mettere una squadra tecnica, Gravillon ha fatto un’ottima partita prima dell’errore, voglio farlo integrare con Padoin il più presto possibile. Vorrei che tutti i giocatori si sentissero partecipi. Mi piace che tutti giochino la palla, anche i difensori ed il portiere, Gravillon ha peccato di presunzione ma va bene così, chiedo io di rischiare anche se bisogna capire il momento che in certe occasioni si può spazzare”.

“Ho stima di Chajia – continua il mister –  è un bravissimo ragazzo che ha grande qualità e avrà un grande futuro. Ninkovic? Sono molto contento della sua predisposizione al sacrificio, le sue qualità tecniche le conosciamo, se unisce un po’ di quantità alle sua qualità diventerà un giocatore impossibile da tenere fuori. La sconfitta di Frosinone fa ancora male anche se guardo avanti, ma almeno un punto avremmo meritato di portarla a casa; è un campionato difficile, rischi di perdere anche in partite in cui domini, l’aspetto mentale unito alla qualità e al sistema di gioco è fondamentale. Scamacca? Starà fuori due settimane e salterà le prossime tre partite considerando che c’è il turno infrasettimanale. Ho chiesto di non giocare a folate ma di fare una gara intelligente, il possesso palla del primo tempo li ha fatti stancare molto”.

L’allenatore del Livorno Roberto Breda: “Nel primo tempo abbiamo fatto una buona gara rischiando poco, la prima occasione la abbiamo avuta noi, nel secondo tempo siamo stati poco bravi a ripartire, abbiamo perso lucidità forse anche per il caldo ed abbiamo creato poco. La partita con un pizzico di fortuna in più potevamo portarla a casa, penso all’occasione dopo il 90′. L’Ascoli ha fatto una buona gara ma non penso che avremmo rubato molto pareggiando, questo gruppo può fare di più ma dobbiamo iniziare a fare punti. L’Ascoli ha valori importanti e farà un campionato importante, andando sotto diventa difficile recuperare, siamo comunque rimasti in partita, peccato per le due occasioni i Di Gennaro perché avrebbe fatto morale un punto”.

Uno dei protagonisti della partita Moutir Chajia: “Nel primo tempo ho fatto bene, nel secondo un po’ meno anche perché non avevo mai giocato novanta minuti ed ho sofferto un po’ fisicamente. Sapevo che il mister mi dava fiducia, volevo dimostrare sul campo che meritavo questa occasione. Sono diverso rispetto all’anno scorso? No, è che l’anno scorso giocavo poco ed adesso di più, questo mister mi considera di più ed io cerco di ringraziarlo in campo”

L’autore del primo gol del match Alberto Gerbo: “Ho tirato ma non ho visto dove è passato il pallone, ho seguito l’azione ed è andata bene. Di solito tiro di destro ma ho imparato a farlo anche con il sinistro, dalla nostra parte possiamo fare sicuramente di più, abbiamo attaccato molto di più sulla sinistra perché Chajia ha giocato da quella parte. vorrei però sottolineare il passo in avanti fatto sul piano della mentalità. Questa è la strada da seguire anche se dobbiamo essere più cinici. Una dedica per il gol? Alla mia famiglia ed alla mia ragazza Marta”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.