ASCOLI PICENO – Seconda sconfitta consecutiva per l’Ascoli che cede in casa per 2-0 contro il Pescara dopo aver condotto il pallino del gioco fino all’88’ quando Brunori ha sfruttato l’unico errore della partita di Valentini per servire Galano abile ad infilarsi tra Gravillon e Leali e firmare la rete del vantaggio pescarese; di Busellato su rigore al 93′ il raddoppio.

L’allenatore dell’Ascoli Paolo Zanetti: “E’ una sconfitta senza attenuanti di cui mi prendo la responsabilità. Avevo la sensazione che avremmo fatto una partita diversa; abbiamo fatto meglio di Cremona, loro fino all’infortunio di Valentini non avevano ami tirato in parte. Siamo un contati e facciamo fatica ad esprimere il nostro gioco soprattutto contro squadre che non giocano a viso aperto. Mi spiace veramente molto per i nostri tifosi, peccato perché giocavamo davanti una splendida cornice. Mi sento di difendere la squadra anche se la prestazione di qualcuno non è stata eccelsa, credo sia giusto in questi momenti non fermarsi sui singoli perché si potrebbe dare alibi agli altri giocatori”.

“Ci siamo un po’ smarriti e siamo poco squadra – prosegue il mister – anche se abbiamo avuto due ottime occasioni, una subito con il palo di Scamacca e poi quella di Troiano quando li avevamo messi nella loro metà campo. Ninkovic? E’ stato un po’ fuori dal gioco e si decentrava, quando giochi contro una difesa a cinque è difficile trovare spazi. In questo momento abbiamo un giro palla lento e prevedibile, non dobbiamo buttare però tutto quello fatto, fino al loro gol loro non avevano tirato in porta e avevamo mantenuto il possesso del gioco anche se in maniera lenta. Loro erano venuti per difendersi, anche se è vero che abbiamo creato poco contro una squadra chiusa. Ho visto troppo individualismi, non si ragionava di squadra e dovrò lavorare su questo aspetto. Ci vuole più equilibrio da parte di tutto l’ambiente, si era persa un po’ di umiltà da parte di tutti, le troppe pressioni non aiutano”.

Il tecnico del Pescara Luciano Zauri: “Grande merito alla mia squadra per come ha interpretato la partita, abbiamo subito poco dopo una settimana difficile, credo che la vittoria sia meritata. Noi dobbiamo salvarci, se pensiamo di essere bravi sbagliamo tutto, se rimarremo concentrati potremo fare un campionato dignitoso“.

Il difensore dell’Ascoli Raffaele Pucino: “I cross mancati stasera? Non credo abbiano inciso sul risultato, finora abbiamo vinto senza segnare in questo modo, abbiamo subito il primo gol al 43′ del secondo tempo, mi concentrerei su questo. Fino al loro gol ci avevamo provato solo noi a vincere la partita anche se non abbiamo creato tante occasioni, dobbiamo lavorare per ritrovare l’umiltà e la spensieratezza  di inizio stagione. Tutti dobbiamo dare il cento per cento e tutti si devono adattare alla partita, abbiamo un allenatore che non lascia nulla al caso e troverà le giuste soluzioni”.

Il centrocampista Michele Troiano: “Il campionato di Serie B è così, all’inizio abbiamo incontrato squadre che ci facevano giocare, nelle ultime due abbiamo incontrato squadre molto chiuse, dovremo lavorarci su a partire dalla sosta. La nostra forza deve essere l’entusiasmo ma avendo equilibrio, non dobbiamo esaltare i singoli quando le cose vanno bene, bisogna ragionare di squadra. Avremo due settimane per pensare a diversi spunti, non eravamo fenomeni primi e queste due sconfitte ci riportano con i piedi per terra, abbiamo sicuramente una base importante su cui costruire buone cose. Queste sono le partite peggiori, essendo loro molto bassi pensi che il pericolo sia lontano e pensi che loro non possano fare gol; sicuramente l’Ascoli ha fatto di più per vincere la partita, loro non sono venuti a giocarsela ma hanno vinto la partita. Un bagno di umiltà non potrà che farci bene, il mister deve stare tranquillo anche se oggi era amareggiato, in campo ci andiamo noi e noi dovremo fare qualcosa in più, stiamo lavorando bene e dobbiamo avere equilibrio. La grande amarezza che abbiamo è non aver dato una vittoria alla nostra magnifica gente”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.