ARQUATA DEL TRONTO – “Bene, ma non benissimo, anzi serve uno sforzo in più per i piccoli centri e speriamo ciò avvenga in sede di conversione del decreto, altrimenti ci faremo sentire. Ci aspettiamo molto di più”.

Queste le parole, riportate da una nota dell’Ansa, del vice sindaco di Arquata del Tronto Michele Franchi sul decreto terremoto che, dice, soddisfa solo in parte.

“Le attese erano ben altre – si legge nella nota dell’agenzia di stampa – Questo decreto va a favore più dei centri grandi che di quelli piccoli come Arquata, Amatrice, Accumoli e qualcuno del Maceratese. Non è questione di fare città e paesi di serie A e di serie B, perché purtroppo a farlo ci ha già pensato il terremoto nel 2016 – prosegue -. Ci sono stati 20 Comuni rasi al suolo, che hanno avuto morti, non possono essere come gli altri e mi dispiace che un Governo, che per altro ritengo amico, non lo comprenda”.

“Ci hanno promesso che in sede di conversione in legge, nelle varie Commissioni, qualcosa in più metteranno, anche rispetto a quanto chiesto dai sindaci del cratere a suo tempo” conclude il cittadino numero due del Borgo.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.