ASCOLI PICENO – Un pezzo di storia e cultura tornerà nel luogo di origine.

L’assessore alla cultura Donatella Ferretti, il direttore dei musei civici professor Stefano Papetti e la funzionaria archeologa della Soprintendenza, dottoressa Paola Mazzieri sono stati ricevuti a Roma dal direttore del Museo della Civiltà, Filippo Maria Gambari. Proprio nel museo capitolino, dal 1967, è esposta una parte dei reperti del Tesoro dei Longobardi, rinvenuto nel lontano 1893 presso la necropoli di Castel Trosino.

L’obiettivo dell’incontro, condiviso con il sindaco Marco Fioravanti, è stato quello di concordare un progetto che preveda un’esposizione dei reperti longobardi di Castel Trosino presso il Forte Malatesta: “Il Tesoro dei Longobardi andrà a integrare e impreziosire il patrimonio archeologico già presente presso il Museo cittadino dell’Alto Medioevo, inaugurato nel 2014 presso il nostro Forte Malatesta” ha spiegato il sindaco Fioravanti. 

“Il progetto si svilupperà in concomitanza con l’organizzazione di un prestigioso convegno sui Longobardi, che vedrà la partecipazione di alcuni tra i più importanti studiosi nazionali e internazionali di questo popolo” ha affermato il primo cittadino.

Soddisfatta per l’esito della trasferta romana l’assessore alla cultura Donatella Ferretti: “La nostra Amministrazione intende tutelare e valorizzare la rilevante presenza del popolo dei Longobardi sul nostro territorio. Vogliamo restituire alla città un Tesoro che rappresenta una testimonianza concreta e tangibile del patrimonio storico-culturale del territorio e che può fungere da volano per il rilancio turistico ed economico della città di Ascoli Piceno”


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.