ASCOLI PICENO – Un nuovo strumento medico grazie alla collaborazione tra il servizio pubblico e i privati. Nell’ambito dell’attività di prevenzione e cura della salute, e grazie alla collaborazione con l’Area Vasta e l’Associazione Iom Ascoli Piceno Onlus, la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno ha accolto la richiesta dell’Unità Operativa di Radiologia di Area Vasta per l’acquisto di un innovativo sistema per biopsia mininvasiva della mammella da utilizzare presso l’Ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno.

Questo sistema per biopsia, denominato Mammotome Revolve, utilizza una sonda assistita da un computer per effettuare biopsie di lesioni della mammella reperite precedentemente attraverso esami mammografici o ecografici. Esso permette di prelevare frustoli di tessuto da analizzare istologicamente. Tale prelievo rappresenta una modalità meno invasiva rispetto ai metodi tradizionali.

Per l’acquisto del Mammotome la Fondazione ha messo a disposizione l’importo di cinquanta mila euro.

L’Area Vasta 5, ad esito della procedura ad evidenza pubblica che si è conclusa con il provvedimento di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell’articolo 95 del Codice dei Contratti Pubblici, ha perfezionato l’acquisto dell’attrezzatura.

Il sistema è operativo presso l’Unità Operativa Radiologia nella sezione Senologia di Ascoli Piceno, e può coprire le esigenze di tutta l’Area Vasta 5 permettendo diagnosi di II e III livello a vantaggio di una ottimizzazione del conseguente processo terapeutico, sia oncologico che chirurgico e radioterapico, in considerazione dell’attività di “Screening” e di “Breast Unit”, sia per le donne asintomatiche che per i casi di evidenza clinica.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.