ASCOLI PICENO – “Forse è la volta buona che organizziamo una bella manifestazione anche noi: se il decreto sisma uscirà vuoto non sarà possibile per noi non utilizzare ogni strumento di protesta”.

Il giorno dopo aver definito “vuoto” il dl sisma all’esame della Camera, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli rincara la dose.

Qui il nostro articolo

Ricostruzione, Ceriscioli ‘negativo’ sul Decreto Sisma: “Parlamentari pensino a sostanza o sarà disastro”

“Se non cambiano le regole – ribadisce – la ricostruzione prosegue con la velocità che ha oggi, cioè lenta”.

Tra i punti chiesti, per la ricostruzione privata tutelare il professionista, che redige l’autocertificazione, “riconoscendo lo stato di fatto dell’immobile come stato di diritto” ed “evitare altri due passaggi prima dell’inizio lavori” le parole del Governatore riportate da una nota dell’Ansa.

Per quella pubblica si chiede di applicare i limiti europei (5 milioni di euro invece che 250 mila euro) per le procedure negoziate. Altri temi sono: stabilizzare il personale Usr, incentivi e defiscalizzazione per le imprese destinandovi parte delle risorse che ci sono già; e condizioni fiscali più favorevoli nei territori colpiti.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.