ASCOLI PICENO – Era il 1938 e il popolo italiano, che non era tradizionalmente antisemita, fu spinto dalla propaganda fascista ad accettare la persecuzione di una minoranza che viveva pacificamente in Italia da secoli.
Come fu possibile tutto questo? E quanto sappiamo ancora oggi di quel momento storico?

Nuovo CineTeatro Piceno in collaborazione con Attivamente Ascoli presenta un evento che si terrà sabato 7 dicembre 2019 alle ore 18 presso il Cinema Piceno in Largo Manzoni 6 ad Ascoli Piceno.

All’evento parteciperanno Anna Laura Biagini, referente di Amnesty International, Costantino Di Sante, direttore Istituto di Storia del Movimento di Liberazione, Pietro Frenquellucci, giornalista e consigliere comunale, Luca Cappelli, Consigliere comunale.

Seguirà la proiezione del film di Giorgio Treves con Roberto Herlitzka.

Il film vuole ripercorrere ciò che comportò per la popolazione, ebraica e non, l’attuazione di quelle leggi e, in particolare, i sottili meccanismi di persuasione messi in opera dal fascismo.
Il documentario illustra anche la forte componente del razzismo presente nel regime fascista fin dal suo inizio per tradursi poi nella militarizzazione del popolo italiano, nell’esaltazione della romanità, nella conquista dell’Africa Orientale e infine nelle leggi antisemite e nell’alleanza con Hitler.
Biglietto ingresso unico euro 5.

Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.