ASCOLI PICENO – “La città di Ascoli Piceno è pronta a ospitare la Soprintendenza delle Marche Meridionali“.

A comunicarlo è il sindaco Marco Fioravanti: “In merito alla lodevolissima intenzione del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini di istituire una Soprintendenza dedicata al territorio delle Marche Sud, competente per le province di Ascoli, Fermo e Macerata, come Amministrazione Comunale ci siamo immediatamente attivati recapitando una lettera al Ministro stesso nella quale sono state evidenziate le principali specificità che possono concorrere a candidare le Cento Torri a sede ideale per ospitare la nuova sede della Soprintendenza”.

Il primo cittadino ha continuato: “La città di Ascoli, inserita nel cratere del terremoto, può vantare uno straordinario tessuto artistico e culturale. I due teatri storici del Ventidio Basso e del Filarmonici, il teatro romano, la sezione ascolana del Museo Nazionale Archeologico delle Marche, la Facoltà di Architettura, il Corso per la Diagnostica dei Beni Culturali e la rete dei Musei Civici composta da Pinacoteca, Museo dell’Arte Ceramica, Galleria d’Arte Contemporanea Licini, Museo dell’Alto Medioevo e Forte Malatesta rappresentano la summa della sovrapposizione di quelle testimonianze culturali che nel corso dei secoli hanno concorso alla definizione dell’identità Picena”.

Il sindaco conclude: “La nostra città sarà inoltre capofila di due progetti culturali dedicati all’identità picena e alle presenze longobarde, senza considerare i tanti luoghi a disposizione per l’organizzazione di incontri culturali, convegni e seminari quali (tanto per citarne alcuni) Auditorium Montevecchi, Palazzo dei Capitani, Pinacoteca Civica e Bottega del Terzo Settore. Riteniamo dunque che la città di Ascoli Piceno abbia tutte le carte in regola per ospitare la nuova Soprintendenza: per questo motivo, ma anche in ragione di una collocazione baricentrica rispetto ai territori maggiormente colpiti dal sisma, abbiamo inviato al ministro Franceschini una lettera di candidatura delle Cento Torri come sede della nuova Soprintendenza delle Marche Meridionali“.

Anche il Partito Democratico di Ascoli (Ameli, Frenquelucci e Procaccini) ha fatto richiesta al Ministro Dario Franceschini ed è in arrivo una mozione. Qui il loro testo:

Preso atto che:

• Il Ministro dei beni culturali, Dario Franceschini, ha illustrato la nuova riorganizzazione del MiBACT, già incluso in un decreto approvato dal Consiglio dei ministri.

• Tra le altre novità, spicca l’istituzione di sette nuove soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio, tra cui quella di “Ascoli Piceno, Fermo, Macerata”

• Si tratta di un segnale di forte attenzione verso un territorio che custodisce uno straordinario patrimonio culturale e paesaggistico duramente colpito dal sisma del Centro Italia

Considerato che:

La città di Ascoli Piceno è sede del Museo Archeologico Statale, ospitato nel cinquecentesco Palazzo Panichi prospettante su Piazza Arringo.

• La città di Ascoli Piceno, è l’unica tra i tre capoluoghi di provincia ad ospitare un museo statale

• La città di Ascoli Piceno, ospita la Scuola di Architettura e Design dell’Università di Camerino

• La città di Ascoli Piceno ospita il Laboratorio di Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione ed il Restauro dell’Università di Camerino

• La città di Ascoli Piceno risulta essere adatta per storia, levatura culturale ed architettonica ad ospitare la sede della futura sede della soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio “Ascoli Piceno, Fermo e Macerata”

Valutato che:

• Ospitare la sede della nascente soprintendenza nel capoluogo piceno, sarebbe motivo di vanto per la città e per il territorio marchigiano, non ultimo sarebbe la manifestazione di un ritorno di direzionalità pubblica nel capoluogo.

• Il Palazzo Dei Capitani o in alternativa il Palazzo Panichi sarebbero sedi idonee e prestigiose per ospitare la nuova sede della soprintendenza

Il consiglio comunale di Ascoli Piceno impegna il Sindaco e la Giunta Comunale

– A porre in atto nelle sedi deputate (a partire dal MiBaCT) tutte le azioni di sensibilizzazione volte al fine di far ospitare nella nostra città la nuova sede della soprintendenza “Marche Sud”;

– A tenere costantemente informato il consiglio comunale e la città sulle iniziative adottate a questo scopo e gli sviluppi che ne conseguiranno.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.